10 anni dallo tsunami in Indonesia: onde anomale gigantesche seminarono panico e morte

By | 26 dicembre 2014

10 anni fa il mondo fu scosso dalla luttuosa notizia di un terribile sisma che fece tremare l’Oceano indiano. Il terremoto causò un tremendo tsunami che provocò panico e morte.

Lo tsunami del dicembre 2004 uccise 230.000 persone in 14 nazioni. Le onde anomale raggiunsero altezze record; alcune superarono i 15 metri e bersagliarono varie aree costiere dell’area asiatica successivamente al sisma. Il sisma e il successivo tsunami misero in ginocchio lo Sri Lanka, l’Indonesia, l’India, la Birmania, la Thailandia e le Maldive. La notizia sconvolse il mondo intero. Molti occidentali stavano trascorrendo le festività natalizie in tali zone.

L’isola di Sumatra fu la più colpita dallo tsunami: onde anomale spazzarono via case e uccisero 180.000 persone.

Gli abitanti delle zone costiere di Chennai e i pescatori hanno affermato: “Nel corso dello tsunami abbiamo perso i nostri figli, i nostri vicini, tutto. Il governo ha provato ad aiutarci, ma non ha funzionato niente. Siamo ancora poveri e senza speranza”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.