39 anni in carcere da innocente: il caso di Craig Coley

By | 29 novembre 2017

Craig Coley si è sempre professato innocente ma nessuno gli ha mai creduto. Adesso la verità è venuta a galla. L’uomo, ex direttore di un ristorante notturno, venne condannato all’ergastolo, nel 1978, per un efferato duplice omicidio. Una condanna ingiusta. Craig era innocente ma nessuno gli credeva. Ogni tentativo di ribaltare la sentenza si era rivelato infruttuoso. La Polizia, dopo molti anni dalla condanna, ha voluto riaprire il caso, scoprendo che alcune prove raccolte sulla scena del crimine non furono considerate.  Gli investigatori hanno asserito che su una prova fondamentale per la condanna non c’è il  Dna di Craig.

Governatore della California ha rimesso in libertà Coley

Il governatore della California Jerry Brown ha concesso la grazia al signor Coley nelle ultime ore, scrivendo che le prove del Dna e un attento riesame del caso hanno dimostrato la sua innocenza.

Craig aveva 31 anni quando era stato arrestato. Oggi ha 70 anni.

In tutti questi anni, diverse persone hanno cercato di aiutare Coley, convinte della sua innocenza, come l’ex poliziotto di Simi Valley.

Condannato per l’omicidio di Rhonda Wicht e il figlio

Il 70enne venne condannato per l’omicidio di Rhonda Wicht e di suo figlio Donald, che aveva 4 anni. I corpi dei due vennero scoperti da un parente. I parenti della Wicht si insospettirono per la sua assenza a una  riunione.

I poliziotti hanno riferito che la signora Wicht venne violentata, picchiata e strangolata con una corda. Il figlioletto venne soffocato perché avrebbe potuto riconoscere il killer.

I sospetti ricaddero su Coley perché era stato fidanzato per due anni con Rhonda. I due, comunque, ‘erano in procinto di sciogliersi’.

Il caso è stato riaperto da David Livingstone

La Polizia di Simi Valley è stata sempre criticata dagli avvocati della difesa per non aver  indagato su altri tre sospettati. Gli investigatori si erano concentrati, invece, su un innocente.

Craig Coley è tornato in libertà dopo aver trascorso tanto tempo in carcere. Se non fosse stato per David Livingstone, capo della Polizia di Simi Valley che ha deciso di riaprire il caso, forse sarebbe ancora in galera.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *