Casalecchio di Reno: Croce Tolta dal Cimitero, Centrodestra Insorge

By | 29 gennaio 2016

Sindaco Casalecchio di Reno Sceglie di Rimuovere Croce da CimiteroSta facendo discutere la decisione presa a Casalecchio di Reno, piccolo comune in provincia di Bologna, di eliminare la croce all’ingresso del cimitero

 

Il centrodestra critica la scelta presa dal Consiglio comunale di Casalecchio di Reno, paese che conta appena 36.000 anime. A finire nel mirino delle critiche è, in particolare, il sindaco Massimo Bosso (Pd).

Fabrizio Nofori, portavoce di Fratelli d’Italia-An, ha sottolineato, con un certo rammarico, in un comunicato diffuso recentemente:

“Fa rabbia e tristezza la decisione del sindaco di vietare la croce. Da quando la croce è un’offesa per le altre religioni? Ad ogni modo, si sa, per il Pd che copre le statue dei Musei Capitolini, senza che fosse nemmeno richiesto, per non offendere il presidente iraniano Rohani, non ci si può aspettare altro se non la svendita delle nostre più profonde radici culturali”.

Perché il primo cittadino di Casalecchio di Reno ha preso questa decisione? Per non far sentire in disagio chi professa religioni diverse dal Cristianesimo? Ma nelle altre nazioni tolgono i loro simboli per non far sentire in imbarazzo i cristiani? Comunque, queste sono altre dissertazioni di cui non vogliamo, adesso, entrare nel merito. Fatto sta che l’Italia si sta conformando un po’ alla Spagna zapateriana o alla Francia della laicità, visto che, ad esempio, nelle scuole molte maestre non hanno avuto remore nel togliere i crocifissi dalle pareti in virtù di una recente decisione della Corte di Strasburgo secondo cui uno Stato laico non può tenere crocifissi a scuola.

Forse i giudici di Strasburgo e tutti quelli che la pensano come loro non hanno mai sentito parlare di Edith Stein, suora ebrea morta nel campo di sterminio di Auschwitz che era solita ripetere:

“E’ grazie alla croce che sappiamo che alla fine ogni ucciso giacerà come un vincitore”.

loading...

Chissà se il sindaco Bosso tornerà sui suoi passi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *