Abusi su disabile minorenne: due orchi arrestati

By | 29 maggio 2017
loading...

Abusi su disabile psichica, due arrestiUn 63enne di Corropoli (Teramo) e un 52enne di Civitella del Tronto sono stati condannati dal gup Giuliana Filippello per violenza sessuale di una minorenne affetta da disabilità psichica e detenzione di materiale pornografico. Il primo dovrà passare in carcere 3 anni e 4 mesi; il secondo 4 anni. A favore della vittima, che si era costituita parte civile mediante l’amministrazione di sostegno, è stata disposta di una provvisionale di 30.000 euro.

Foto raccapriccianti scambiate su WhatsApp

Il gup di Ascoli ha ritenuto colpevoli i due uomini residenti in provincia di Teramo di aver consumato rapporti ‘intimi’ con la disabile minorenne, scambiando con lei numerosi contenuti scabrosi su WhatsApp. Sembra che, per un lungo periodo, la ragazza disabile abbia dovuto subire pesanti abusi sessuali da cinque uomini. Adesso rischiano grosso anche altri due teramani, di 43 e 37 anni. La Procura ha già chiuso le indagini e, probabilmente, avranno lo stesso destino degli orchi condannati nelle ultime ore. Un 51enne, tempo fa, era stato condannato a due anni e mezzo di reclusione per aver violentato più volte la ragazzina disabile, profittando della sua condizione di inferiorità. Una storia che fa decisamente accapponare la pelle. La giustizia deve fare il suo corso e i responsabili devono pagare il conto con la giustizia, anche se nessuna sentenza potrà conferire alla piccola abusata la serenità di un tempo.

Giustizia per le vittime degli abusi

La legge prevede pene rigide per chi compie abusi sui minorenni. Le pene sono aggravate per chi sfrutta la disabilità dei piccoli. Il problema, come è stato spesso sottolineato, è l’applicazione della legge. In Italia le leggi ci sono, solo non vengono spesso applicate a dovere. Molti delinquenti si sentono legittimati a delinquere, convinti di non essere condannati o, in caso di condanna, di uscire subito dal carcere. Ecco, l’Italia è questo. Non bisogna stupirsi, dunque, se nelle ultime settimane si sono registrati molti casi di abusi sui minorenni. Ha suscitato scalpore e indignazione, tempo fa, il caso di un giovane con un disturbo psichico che è stato stuprato nel bagno di un centro commerciale, a Palermo, da tre uomini di 64, 47 e 24 anni. Dopo aver soddisfatto i loro istinti animaleschi, gli orchi hanno urinato sul disabile e se ne sono andati. Inutile commentare un episodio così raccapricciante. Si attendono risposte forti delle istituzioni, però. Se non si fa nulla, soggetti così scellerati e vili continueranno a compiere azioni disgustose e orribili, rovinando la vita di tanti piccoli. Non è ammissibile tutto ciò.

Una notizia positiva, intanto, è che i due orchi teramani sono finiti in manette. La disabile minorenne potrà finalmente vivere serenamente, anche se non sarà così facile dimenticare quelle violenze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *