Accoltellato dal cognato durante il pranzo di Natale

By | 25 dicembre 2017

Vasto Marina accoltellato cognatoPranzo di Natale che finisce in tragedia a Vasto Marina, in provincia di Chieti. Un uomo ha iniziato a discutere animatamente col cognato finché non ha preso un coltello e lo ha colpito alla gola. Gli altri parenti sono rimasti increduli ma hanno subito trasportato l’uomo ferito all’ospedale San Pio da Pietralcina. Sembra che le condizioni dell’accoltellato siano molto gravi. In base alle prime informazioni, tra i due cognati non c’è mai stata pace. Hanno sempre battibeccato per banali motivi. Il rancore tra i due, a quanto pare, non è mai svanito.

Colpito al collo

Una lite furibonda durante il pranzo di Natale ha avuto un drammatico epilogo in provincia di Chieti. Un uomo ha preso un coltello da cucina ed ha sferrato una coltellata al collo al cognato.

I medici dell’ospedale San Pio da Pietralcina stanno cercando di salvare la vita all’uomo accoltellato a Vasto Marina.

Non appena arrivato al Pronto soccorso del nosocomio abruzzese, il ferito è stato sottoposto a un delicato intervento chirurgico.

I carabinieri della Compagnia di Vasto stanno cercando di ricostruire lo svolgimento della vicenda anche mediante le parole delle persone che hanno assistito all’aggressione. Persone che non dimenticheranno di certo il Natale 2017.

Come i cognati di Gela

Un altro accoltellamento tra le mura domestiche. Un altro uomo accoltellato dal cognato. Lo scorso mese, a Gela, il 33enne Maurizio Peritore era stato colpito con un coltello da Giuseppe Cinardi, il cognato.

Quella coltellata era costata cara a Peritore, era costata la morte. Teatro della tragedia un appartamento di via Attica, nel quartiere Scavone.

Maurizio e Giuseppe non erano mai stati in buoni rapporti, come i cognati di Vasto Marina, ed avevano litigato molte volte. Lo scorso novembre si erano affrontati in casa per un giubbotto. Ad avere la peggio era stato Peritore. Cinardi aveva riportato gravi ferite ed era stato trasportato all’ospedale. I due cognati avevano precedenti penali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.