Anna Maria Jacobini morta a Cracovia: indefessa giornalista Rai

By | 30 luglio 2016

Un altro lutto nel mondo del giornalismo. Ieri è morta Anna Maria Jacobini, abile giornalista e storia inviata de “La vita in diretta”, programma su Rai Uno. La 58enne si trovava a Cracovia, dove stava lavorando per la Redazione di “A sua immagine”, programma a sfondo religioso.

Morte Anna Maria Jacobini annunciata da Andrea Fabiano

loading...

A dare la triste notizia della morte di Anna Maria Jacobini è stato il direttore di Rai Uno, Andrea Fabiano, con un tweet:

“Rai Uno ieri ha perso una componente della sua famiglia, #AnnamariaJacobini. A lei e famiglia il nostro abbraccio più grande e affettuoso”.

Il messaggio su Twitter del direttore di Rai Uno ha rattristato molte persone, non solo amici e colleghi della giornalisti ma anche i telespettatori.

Anna Maria Jacobini si era recata nella sua camera d’albergo per cambiarsi dopo una giornata di lavoro. Doveva cenare coi suoi colleghi. Sono stati proprio questi ad insospettirsi, visto che la 58enne non arrivava mai. Si sono recati nella sua stanza ed hanno fatto la tragica scoperta.

La Jacobini era inviata sia de “La vita in diretta” che “Estate in diretta”. Si trovava in questi giorni a Cracovia per la Giornata mondiale della gioventù. Una trasferta di lavoro che le è costata la vita.

Mondo del giornalismo piange un’altra valida professionista

Dopo Letizia Leviti, il mondo del giornalismo piange un’altra grande professionista: Anna Maria Jacobini. I colleghi hanno rivelato di averla trovata in camera, senza vita:

“Era salita nella sua stanza per prepararsi per la cena. Tardava, così siamo saliti da lei e l’abbiamo trovata morta“.

Anna Maria è morta a Cracovia, proprio durante la Giornata mondiale della gioventù, un evento di speranza e fratellanza. Persino il Papa è stato informato della morte della giornalista Rai. Il direttore di Rai Uno, con un secondo tweet, si è detto vicino “a tutti i colleghi di ‘A sua immagine’ impegnati a Cracovia con il dolore per la scomparsa di Anna Maria Jacobini”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *