Cronaca

Attaccato al tram per 300 metri: bravata o prova di coraggio adolescenziale?

Molti ragazzi di oggi compiono azioni incomprensibili e pericolose, spesso dettate dalla noia e dall’incapacità di iniziare percorsi fruttuosi. Le immagini diffuse nelle ultime ore sul web, che ritraggono un adolescente attaccato a un tram in movimento, lasciano di stucco e fanno riflettere. Un episodio grave accaduto a Firenze. ‘Una bravata che poteva finire male’, ha reso noto la Gest, azienda che amministra la rete tranviaria fiorentina. La società bolla come ‘irresponsabile’ l’atteggiamento del teenager che si è attaccato a un tram in movimento alla fermata Talenti, e poi è sceso presso piazza Batoni, dopo 300 metri. Gest ha manifestato il suo sdegno anche sulla sua pagina Facebook: ‘Un gesto stupido, da stigmatizzare, estremamente pericoloso e da non ripetere’. L’azienda ha anche sottolineato di aver sporto denuncia. Ad immortalare il ragazzino aggrappato al convoglio del tram in transito è stato un automobilista.

Maggiore vigilanza lungo il percorso tranviario

La Gest spera che il minorenne venga presto identificato dalle forze dell’ordine. Gli investigatori stanno attualmente vagliando le immagini riprese dalle telecamere di sorveglianza poste lungo il tragitto seguito dal convoglio. L’azienda di Firenze ritiene che quello che si vede nella foto, aggrappato al tram, sia un adolescente.

Perché quel ragazzino si è attaccato al convoglio del tram in corsa? Una bravata o una prova di coraggio tra amici? Queste gare di audacia, secondo l’azienda, sono in voga da tempo in altri Stati.

La Gest ha comunicato che presto verrà rafforzata la vigilanza del percorso seguito dai tram; inoltre verranno installate altre fermate. La società esorta la gente a segnalare immediatamente casi di persone aggrappate ai tram in movimento.

Ragazzo attaccato al tram come Fantozzi: l’ironia social

Intanto la foto del ragazzino attaccato al tram è stata molto commentata sui social. Molti hanno condannato il gesto ed altri si sono mostrati più ironici. C’è chi, ad esempio, ha paragonato il teenager al ragionier Ugo Fantozzi (protagonista di un celebre film comico interpretato dal grande Paolo Villaggio): anche lui ha preso un mezzo pubblico al volo.

Può darsi che il ragazzino toscano abbia voluto prendere il mezzo pubblico in modo strano e pericoloso perché privo del biglietto. Lo scorso luglio, a Roma, un uomo e una donna si erano attaccati al paraurti posteriore del tram 8, invece di salire a bordo. Molte persone non avevano creduto ai loro occhi.

Il conducente del tram 8 probabilmente non si era accorto di nulla, così come la Polizia municipale e le forze dell’ordine. La coppia, come se niente fosse, aveva viaggiato gratis e all’aperto, mettendo però in pericolo la sua incolumità e quella di tante altre persone. Qualcuno, col suo telefonino, aveva registrato un filmato, poi finito nelle mani di Fabrizio Santori, consigliere regionale del Lazio. Dopo aver pubblicato il video su Facebook, Santori aveva scritto: ‘Ora, che sui mezzi scarseggino i controllori è un dato di fatto, ma sorprende che lungo tutto il tragitto visibile nel video non ci sia stato personale Atac in grado di far scendere e sanzionare i due responsabili di questa bizzarra e pericolosa modalità di utilizzo’.

Join The Discussion

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.