Attraversa i binari e muore: orrore alla stazione di Ladispoli

By | 8 aprile 2018

treno-incidente-ladispoliShock alla stazione ferroviaria di Ladispoli, ridente località sul litorale a nord di Roma. Un ragazzo indiano ha attraversato i binari ed è stato travolto dal treno. Il convoglio non è riuscito ad evitare il 26enne indiano. Il terribile incidente è avvenuto ieri sera. L’indiano è morto sul colpo. Sembra che qualche frammento abbia ferito un’altra persona che si trovava sulla banchina.

Era meglio usare il sottopassaggio

Il ragazzo indiano ha pagato con la vita una disattenzione. Invece di uscire dalla stazione usando il sottopassaggio, il giovane ha attraversato i binari. Lo fanno molte persone, purtroppo, a Ladispoli per guadagnare tempo. La via del sottopasso è più lunga, anche se più sicura.

Erano le 20 e a Ladispoli stava per iniziare un sabato sera pieno di gioia e divertimento. Invece, all’improvviso, l’orrore. Un forte boato e poi lo schianto. Un corpo esanime sui binari, tanta gente a guardare, le forze dell’ordine e gli operatori sanitari. Il ragazzo indiano non si era reso conto di quel veloce Frecciarossa diretto a sud ed è stato preso in pieno. I suoi amici, un ragazzo e una ragazza, sono rimasti miracolosamente illesi. E’ rimasto ferito da alcune schegge provenienti dal convoglio, invece, un uomo che si trovava sulla banchina, a pochi metri dalla tragedia. Varie persone hanno assistito a una scena da film horror. Tabloid locali parlano di arti umani sparsi sui binari.

Amici della vittima sentiti dai poliziotti

Gli amici del malcapitato indiano sono stati condotti negli uffici della Polizia ferroviaria e sentiti per avere un quadro chiaro della vicenda. In base a quanto hanno riferito i ragazzi, la morte del 26enne sarebbe conseguenza di un incidente. Un tragico incidente. Il giovane non voleva suicidarsi.

Le forze dell’ordine non ritengono che i tre abbiano attraversato i binari per giocare o perché ubriachi o sotto effetto di droghe. Le indagini comunque continuano per fare chiarezza su alcuni punti della vicenda ancora oscuri. L’uomo ferito dai brandelli di treno sulla banchina ha 39 anni ed è originario della Romania. Gli operatori sanitario lo hanno trasportato immediatamente in ospedale in codice rosso. Non è comunque in pericolo di vita.

Disagi alla circolazione ferroviaria

La tragedia sui binari della stazione di Ladispoli ha provocato non pochi disagi alla circolazione ferroviaria. In quel punto è stato disposto il blocco del traffico ferroviario. Stop momentaneo anche del traffico sulla linea Roma-Grosseto in ambedue i sensi di marcia per consentire agli investigatori di togliere dai binari i resti dell’indiano e svolgere gli accertamenti. Ovviamente, è stata disposta anche la sospensione della circolazione dei convogli sulle tratte Maccarese-Fregene e Ladispoli-Cerveteri.

Trenitalia, dopo il tragico incidente alla stazione ferroviaria di Ladispoli, ha attivato bus sostitutivi per limitare i problemi di tutti coloro che dovevano usufruire dei treni per raggiungere diverse destinazioni. Il macchinista ha riferito alle forze dell’ordine di essersi trovato di fronte, improvvisamente, i tre ragazzi e non ha avuto il tempo di arrestare il pesante convoglio.

La morte di Valerio a Labico

U’altra persona è morta sui binari nel Lazio. Ieri la morte, con la sua falce, è arrivata a Ladispoli. Lo scorso gennaio, invece, a morire sui binari era stato il 15enne Valerio, originario della Romania. Il giovane era stato travolto da un treno alla stazione di Labico (Roma). La morte di Valerio però è avvolta nel mistero. Il padre, Alessandro, ha detto: ‘Quei binari si trovano in un punto isolato, buio e difficilmente accessibile. Cosa ha portato Valerio lì e a quell’ora? Stentiamo a credere che possa esserci andato da solo, anche perché non è vicino casa nostra. Temiamo che ci fosse qualcuno con lui, inoltre è assolutamente incomprensibile il mistero dei vestiti, che non sono mai stati ritrovati. Se Valerio era nudo al momento della morte, dove sono finiti?’.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.