Autista vede migranti alla fermata ma non si ferma: possibile licenziamento

By | 12 marzo 2018

autista-moreno-salvetti-migrantiQuando ha visto quei migranti alla fermata dell’autobus non si è fermato, procedendo la sua corsa e lasciando allibiti gli stranieri. Non è la scena di un film comico, o meglio grottesco, ma quanto accaduto lo scorso dicembre in Trentino. La storia però è balzata agli onori delle cronache solo adesso. L’autista, il 41enne Moreno Salvetti, ha dapprima rallentato e, constatando che alla fermata c’erano solo profughi, non si è fermato. I migranti non sono potuti salire sul mezzo pubblico.

Autista inchiodato anche dalle telecamere

Moreno Salvetti, autista per la Trentino Trasporti da molti anni, adesso rischia il licenziamento. Lo scorso dicembre non si era fermato per far salire diversi profughi. Eppure quella gente doveva salire su quel mezzo. La storia è venuta alla ribalta grazie alla segnalazione della cooperativa che accoglie i migranti e ai filmati ripresi da varie telecamere in zona. Le sequenze mostrano bene il numero dell’autobus. Non è stato difficile, dunque, risalire al signor Moreno Salvetti. La cooperativa ha denunciato il fatto alla Procura della Repubblica ed ora il 41enne rischia il licenziamento. L’ipotesi di reato è interruzione di pubblico servizio aggravata dalla discriminazione razziale.

Migranti dovevano recarsi a Rovereto

I migranti, lo scorso dicembre, stavano attendendo l’autobus perché si dovevano recare a Rovereto per frequentare un corso connesso al progetto di accoglienza e inserimento. Dalla parte dell’autista si è schierato il sindacato Uil Trasporti: ‘L’autista non si è fermato perché non gli era stato fatto cenno dai presenti alla fermata’. In un filmato, a detta del sindacato, si vedono alcuni profughi che, senza motivo, si mettono al centro della strada, obbligando il 41enne a fare una secca frenata. Endorsement a  Salvetti anche di Vanessa Cattoi, deputata della Lega Nord: ‘Molto spesso gli autisti hanno rischiato di essere aggrediti sui bus, un eventuale licenziamento non farebbe altro che accrescere l’insofferenza dei cittadini nei confronti dei migranti’.

‘Ma perché non ti sei fermato?’

Nei filmati si sente anche un passeggero che chiede all’autista: ‘Ma perché non ti sei fermato?’. Tale frase comprova lo strano atteggiamento del Salvetti che, immotivatamente, ha tirato dritto. La Provincia, intanto, ha avviato un procedimento disciplinare nei confronti del 41enne, che potrebbe costargli il licenziamento. Le infrazioni sono state appurate, tra l’altro con lesione ‘al regolare svolgimento del servizio pubblico, ma anche all’immagine della società’.

Salvetti, autista dal 1998, è stato anche assessore ai Trasporti e all’Ambiente. Ora invece è consigliere comunale ad Avio, nelle file di una lista civica di centrodestra. Il 41enne aveva già destato scalpore quando, su Facebook, augurò a Ugo Rossi, presidente della Provincia autonoma, di fare una fine simile a quella dell’orsa Kj2 (Rossi ordinò l’abbattimento dell’animale, ndr). La polemica infuocata venne spenta dallo stesso Salvetti, che rassegnò le dimissioni e chiese scusa, imputando l’osservazione sconveniente e sgradevole a un ‘colpo di nervoso’.

Il signor Moreno Salvetti non vuole che la gente lo definisca razzista, precisando che la vicenda accaduta lo scorso dicembre ‘è stata gonfiata’. Proprio lui, comunque, ha dichiarato ai microfoni dell’Adige che l’uso di lasciare a piedi i profughi non è insolito: i dirigenti gli hanno sempre detto di far salire i migranti alle fermate perché, spesso, molti suoi colleghi avrebbero tirato dritto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.