Badante Ubriaca Violenta e Picchia Anziano: Sconcerto a Villamaina

By | 26 febbraio 2016

Anziano Picchiato da Badante Alticcia a VillamainaUn’altra badante, una romena, è stata arrestata in Italia per maltrattamenti nei confronti di un anziano, un vedovo 83enne, di cui doveva prendersi cura. I fatti sono avvenuti in una casa di Villamaina

loading...

 

Qualche giorno fa, i carabinieri di Mirabella Eclano hanno ricevuto una segnalazione anonima. Una persona diceva di sentire urla e lamenti provenire da un’abitazione a Villamaina. Subito i militari si sono precipitati nella casa dell’anziano ed hanno constatato che qualcosa stava andando per il verso sbagliato. La badante, 47 anni, era ubriaca e l’uomo era per terra, con numerose ecchimosi sul corpo. Secondo una prima ricostruzione,  la badante avrebbe cercato di stuprare l’uomo ma, al rifiuto di quest’ultimo, ha iniziato a prenderlo a calci e pugni fino a farlo cadere per terra. L’anziano aveva detto alla donna di andarsene ma lei era rimasta a casa e, infuriata, l’aveva preso a botte.

I carabinieri delle stazioni di Fontanarosa e Gesualdo hanno fermato la donna che, completamente fuori di sé, avrebbe cercato anche di assalire diversi militari. E’ stato necessario l’intervento degli operatori del 118 per calmare la badante che ha rimediato una denuncia per violenza sessuale, maltrattamenti in famiglia, oltraggio e minaccia a pubblico ufficiale, lesioni personali e violazione di domicilio. Alla donna è stato intimato di stare lontana dal piccolo paese dell’Irpinia.

L’anziano, che ha riportato varie ferite all’addome, è stato trasportato in una clinica di Villamaina. Ovviamente sono stati avvisati i suoi parenti che, subito, precipitati nella sua abitazione. Questa vicenda ci fa riflettere sulle badanti, sul mondo delle badanti. La popolazione italiana è invecchiata, di conseguenza è aumentato il numero delle badanti, la cui maggioranza è formata da donne straniere. I parenti degli anziani, però, devono fare molta attenzione a chi scegliere, informandosi innanzitutto sulle referenze della badante, magari cercando di parlare con le famiglie per cui ha lavorato in precedenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *