Bambino chiuso nel microonde dai genitori: orribili ustioni

By | 1 dicembre 2017

La crudeltà di certe persone non ha limiti. Derick Boyce-Slezak e la moglie Mikala, entrambi 22enni e residenti negli Usa, sono stati arrestati martedì scorso perché avrebbero messo il figlioletto di soli 4 mesi nel forno a microonde. Il piccolo avrebbe riportato gravi ustioni, specialmente sul viso. Erano stati proprio i due a portare il neonato in ospedale. Il personale sanitario si è subito reso conto che quello sul viso non era un rush cutaneo ma un’ustione di secondo grado. Non solo: il piccolo aveva riportato una lesione cerebrale e la frattura del cranio.

L’imitazione di uno spot televisivo

Chissà quanto dolore avrà provato quel neonato dentro quel forno a microonde! Dalle carte processuali si evince che i genitori debosciati stavano imitando il protagonista di uno spot televisivo ed avevano lanciato il figlioletto nel microonde.

Derick e Mikala avrebbero detto ai medici dell’ospedale che le ustioni sul corpo del bimbo erano dovute alle sostanze chimiche presenti nei prodotti per l’igiene personale.

Il padre del bambino non ha detto nulla ai giudici

Il padre debosciato non ha detto nulla davanti ai giudici; la moglie invece avrebbe voluto testimoniare. Mikala ha riferito che sarebbe stato il marito a mettere il bambino nel forno a microonde, mentre tentava di imitare quello che vedeva nello spot televisivo.

La donna ha anche rivelato che il marito ha fatto cuocere il neonato nel forno per poco tempo.

Viste le orripilanti accuse, la coppia è stata subito condotta in carcere, con una cauzione di 500.000 dollari.

Dai documenti giudiziari si è appreso anche che Derick e Mikala avevano avuto un’altra figlia l’anno scorso, rinunciando però alla potestà genitoriale.

Un altro neonato finito nel microonde negli Usa

L’impressionante storia avvenuta nei giorni scorsi negli Usa rievoca il caso della 28enne China Arnold, donna che uccise la figlioletta di appena un mese nel microonde. La Arnold venne processata e condannata all’ergastolo senza alcuna possibilità di riduzione della pena.

China uccise la figlia durante un acceso litigio col fidanzato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *