Spettacolo

Banksy spiega com’è avvenuta la distruzione del suo quadro

L’ultima provocazione da parte di Banksy ha lasciato tutti spiazzati. Il noto artista di graffiti ha fatto sì che una sua opera si autodistruggesse dopo essere stata aggiudicata, a un’asta, per un valore di più di un milione di dollari. Inizialmente l’artista aveva commentato in modo provocatorio l’evento: successivamente l’inglese ha spiegato le modalità attraverso le quali è arrivata la distruzione del noto graffito, poi diventato quadro. Lo sfortunato compratore, adesso, si trova di fronte a un quadro che vale notevolmente di più.

L’opera di Banksy venduta all’asta

L’opera dello street artist inglese venduta all’asta è una delle più note di Banksy. Realizzata nel 2002, è una delle più famose dell’artista tanto che è stata realizzata anche sotto forma di quadro: essa rappresenta una bambina che lancia andar via un palloncino a forma di cuore.

L’opera era stimata tra le 200 e le 300 mila sterline, ma alla fine il suo valore è cresciuto fino a 860 mila sterline dopo un’offerta telefonica. Attraverso relativi bonus, il prezzo è salito fino a più di un milione di sterline (1,18 milioni di euro). Tuttavia, l’asta è sta segnata dall’ultima provocazione dell’inglese.

L’artista ha spiegato com’è avvenuta la distruzione del quadro

Tuttavia, subito dopo la vendita dell’opera all’asta, è successo ciò che nessuno si aspettava. Se inizialmente Banksy aveva rivendicato, su Instagram, l’autodistruzione del quadro, soltanto successivamente ha spiegato il meccanismo attraverso il quale l’opera si è, per metà, distrutta.

L’inglese ha spiegato di aver inserito, ormai da anni, un tritacarte all’interno della cornice del quadro. Il meccanismo è stato ben nascosto: l’inglese lo avrebbe azionato soltanto nel momento della vendita all’asta della sua opera. L’inglese si è limitato a spiegare il mezzo con cui è avvenuto l’atto, non il motivo. Il video dove ha mostrato il tutto è stato accompagnato, inoltre, da una citazione di Picasso «Ogni desiderio di distruzione è anche un desiderio di creazione». Se il compratore poteva sentirsi, in un primo momento, sfortunato adesso può esultare: il quadro vale notevolmente di più.

Join The Discussion

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.