Belpietro e Del Debbio purgati da Mediaset: stop ai programmi

By | 7 aprile 2018

del-debbio-belpietro-programmi-mediasetAscolti bassi. E’ questa, ufficialmente, la causa dello stop ai programmi Quinta Colonna e Dalla vostra parte, su Rete 4. Mediaset ha deciso di purgare i conduttori Maurizio Belpietro e Paolo Del Debbio perché i programmi da essi condotti non hanno fatto ascolti entusiasmanti. In realtà, il motivo della sospensione avrebbe una natura politica. L’eccesso di populismo delle trasmissioni du Rete 4, prima delle elezioni politiche dello scorso 4 marzo, potrebbero aver favorito il M5S e la Lega Nord, partiti che, effettivamente, hanno preso più voti di Forza Italia.

Momento difficile per Forza Italia

E’ curioso che Mediaset, riconducibile al numero uno di Forza Italia, Silvio Berlusconi, abbia deciso di dare il benservito a Del Debbio e Belpietro dopo le elezioni politiche. Forse Mediaset recrimina ai due programmi su Rete 4 di aver messo poco in risalto Forza Italia e dato più spazio alla Lega e ai grillini. Forse, già. Non è un bel momento per i forzisti: da un lato vengono allontanati dal partito che ha preso più voti, il M5S, dall’altro devono fare i conti con Matteo Salvini, adesso con il coltello dalla parte del manico, visto che ha ottenuto più voti di Forza Italia.

Le puntate di Quinta Colonna termineranno il prossimo 26 aprile 2018. Maurizio Belpietro, inoltre, lascerà Dalla vostra parte. Come mai? Share basso? Forse. Secondo alcune gole profonde, i vertici Mediaset non avrebbero mai digerito la vena populista dei programmi condotti da Belpietro e Del Pietro, un trend che avrebbe danneggiato Forza Italia. Lo stesso Fedele Confalonieri, tempo fa, aveva affermato che si stava ‘esagerando’.

Dalla vostra parte avrà un nuovo conduttore

Maurizio Belpietro non presenterà più Dalla vostra parte. Al suo posto arriverà una persona dello staff del Tg4. Dalla vostra parte dunque continuerà senza Belpietro. Quinta Colonna invece chiuderà i battenti il prossimo 26 aprile. Decisioni che, secondo molti, dipendono più dai deludenti risultati di Forza Italia alle recenti elezioni che dal basso share delle trasmissioni condotte dal Del Debbio e Belpietro. Questi però non devono allarmarsi perché Mediaset gli avrebbe assicurato la conduzione di altri programmi, anche se ancora non si sa quali.

Non è corretto dunque parlare di una cacciata di Del Debbio e Belpietro da parte di Mediaset. Si vorrebbe solo invertire una tendenza che negli ultimi tempi ha favorito tutti fuorché Forza Italia. Rete 4, secondo alcuni, è diventata ultimamente una rete televisiva grillina e leghista. Ciò è inammissibile per i vertici Mediaset e Berlusconi.

A settembre Del Debbio e Belpietro condurranno altri programmi che, probabilmente, avranno un taglio meno populista e più forzista. C’è chi pensa che la Lega abbia preso più consensi, in occasione della recente tornata elettorale, grazie ai dibatti di Rete 4. Sarà vero? Voi che ne pensate? Dalla vostra parte e Quinta Colonna sono tacciabili di demagogia?

Del Debbio e Belpietro: due abili giornalisti

Le purghe di Mediaset non impensieriscono minimamente Del Debbio e Belpietro, giornalisti e conduttori abili con anni di esperienza in tv e nelle Redazioni alle spalle. Belpietro, nel corso di un’intervista rilasciata 3 anni fa, aveva confessato di aver iniziato ad interessarsi di giornalismo grazie a Giampaolo Pansa.

‘Se faccio il giornalista e dirigo Libero, la colpa è di Giampaolo Pansa: i lettori dunque sono avvisati e sanno con chi prendersela. Ero un ragazzo con nessuna conoscenza del mondo quando cominciai a leggerlo sul Corriere della Sera. Avevo 16 anni e a Brescia, la mia città, era appena scoppiata la bomba di Piazza della Loggia, in cui morirono 8 persone e 102 rimasero ferite. Di politica non capivo niente, di terrorismo neanche. Per comprendere che cosa fosse successo cominciai a leggere qualsiasi cosa mi capitasse sotto mano, il quotidiano di via Solferino in particolare. Fu così che mi innamorai di Pansa, delle sue cronache e della sua prosa da scrittore-narratore’, aveva detto Belpietro.

‘Ricordo ancora il racconto di un’assemblea studentesca, credo alla Statale, e la bravura con cui riuscì a descrivere il clima di quella discussione concitata. Quando per la Sei di Torino uscì un suo libro in cui erano raccolti alcuni dei suoi migliori articoli, Cronache con rabbia, corsi ad acquistarlo. Come feci con gli altri, in particolare con Comprati e venduti, una descrizione del potere sui giornali degli anni ’70’, aveva aggiunto il giornalista di Castenedolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.