Bimba bruciata sul barbecue dalla madre, una morte atroce

By | 27 settembre 2017

Bimba di due anni arsa sul barbecue, madre accusata di omicidioTerribile scoperta a Zemst, una città poco distante da Bruxelles, in Belgio. Una bimba di due anni è morta su un barbecue. Il suo corpo è stato scoperto carbonizzato dalle forze dell’ordine. La Polizia ha arrestato la madre, una 27enne con problemi psichici. Non è escluso che la piccola sia stata prima uccisa e poi messa sul grill del barbecue. La donna è stata condotta in ospedale perché aveva inalato molto fumo. Alla vista dei vigili del fuoco, chiamati dai vicini di casa, impauriti dalla nuvola di fumo proveniente dalla casa accanto, la 27enne ha affermato: ‘Dovevamo morire insieme bruciando, solo così avremmo raggiunto insieme il Paradiso’. Ora la madre della vittima è monitorata dalla Polizia in ospedale e, prossimamente, verrà sentita dagli investigatori per ricostruire l’esatta dinamica della vicenda. Bisognerà scoprire come è morta la piccola e se sia stata veramente la madre ad ucciderla. La Polizia, comunque, reputa che la bimba di due anni sia stata letteralmente cucinata sul barbecue dalla madre. Una morte terribile.

Tanto fumo usciva dal garage

Diverse persone, domenica scorsa, avevano visto tanto fumo uscire dal garage di un’abitazione e avevano subito chiamato i pompieri. Una volta arrivati, i soccorritori si sono trovati davanti a una scena orribile: una bimba di due anni giaceva sulla griglia di un barbecue. Il corpicino era letteralmente arso. La madre era sconvolta e ripeteva che doveva morire con la minore perché solo così entrambe sarebbero potute andare in Paradiso. La donna delirava. Per lo stato confusionale e l’intossicazione da monossido di carbonio è stata condotta in ospedale.

Alcuni media locali hanno riferito che la bimba aveva iniziato ad urlare prima delle fiamme e del fumo. La circostanza insospettisce gli inquirenti. La minorenne è stata uccisa e poi messa sul barbecue oppure è stata arsa viva? La madre della ragazzina attualmente non può essere sentita dagli investigatori perché non è fisicamente e psichicamente in grado di sostenere un interrogatorio. Solo lei potrà consentire agli investigatori di fare luce sulla vicenda orribile.

La madre è accusata di omicidio

Attualmente la madre della bimba bruciata sul barbecue è accusata di omicidio. I poliziotti la piantonano in ospedale e, quando uscirà, verrà condotta in prigione.

L’esame autoptico sulla salma della bimba è già stato effettuato ma l’ufficio del pm non ha ancora reso noti i risultati.

Lo psichiatra belga Hans Hallebuyck ha affermato che in questi casi non è semplice accertare cosa accade nella mente delle persone che uccidono. Per lui, se la madre ha detto di aver acceso il barbecue affinché le loro anime potessero volare insieme in cielo, entrano in gioco certamente i problemi psichiatrici: ‘Se la donna ha rilasciato tali commenti consapevolmente, è possibile che sia malata di mente. Non sto dicendo che è così, ma è qualcosa che deve essere preso in considerazione’.

La 27enne belga ora dovrà vedersela con la giustizia, anche se la bimba di due anni non tornerà più in vita. La piccola belga ha fatto allungare l’elenco dei bimbi uccisi dai genitori. Perché la giovane ha ucciso la figlia? Bella domanda. Probabilmente è stato il disagio psichico a farle commettere il gesto terribile e deprecabile. Un disturbo che andava curato. Possibile che nessuno si era accorto dei problemi psichici della donna? E se qualcuno se n’era accorto, perché quella bimba era lasciata con lei?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *