Bimba gioca a una festa, si accascia e muore: mistero a Messina

By | 9 aprile 2018
loading...

messina-bimba-morte-festaMistero a Messina sulla morte di una bimba di 5 anni. La piccola, lo scorso 8 aprile, stava giocando con i suoi amici durante una festa. All’improvviso ha accusato un malore e si è accasciata. I genitori, preoccupati, hanno chiamato il 118. Medici e sanitari hanno tentato di rianimare la minorenne ma non sono riusciti a strapparla alla morte. La piccola sarebbe stata colpita, a distanza di pochissimo tempo, da due arresti cardiaci.

Bimba avrebbe perso sangue

La Procura di Messina ha aperto un’inchiesta sul decesso della bimba di 5 anni. Ancora molti aspetti della vicenda vanno chiariti. I poliziotti, in queste ore, stanno svolgendo le indagini, ascoltando anche le persone presenti alla festa. Attualmente si sa che la piccola era stata portata dai genitori (papà albanese e mamma italiana) a una festa a Saponara, a cui avevano partecipato tanti altri coetanei. Mentre si stava divertendo, la piccola è crollata. Avrebbe perso anche molto sangue e gli sarebbero spuntate varie macchie sul corpo.

L’esame post-mortem sul corpo della bambina di Messina è già stato disposto. Perché la piccola è morta all’improvviso? Sono stati quei due arresti cardiaci, a distanza ravvicinarla, a stroncarla? Un altro minore diventa protagonista di un’inchiesta aperta dalla Procura di Messina, che lo scorso gennaio aveva iniziato ad indagare sulla morte di una neonata, avvenuta nel reparto di Terapia intensiva dell’ospedale San Vincenzo.

Messina, neonata morta dopo 3 operazioni

La neonata di Messina era stata sottoposta a 3 interventi chirurgici per una problematica alla valvola cardiaca. Tutto però era andato bene, non si erano registrate complicazioni. A un certo punto, lo scorso gennaio, la bimba si era sentita male e, in un attimo, si era ritrovata nel reparto di Terapia intensiva dell’ospedale siciliano. Poi la morte. Dopo il decesso, il padre e la madre della bimba avevano sporto una denuncia ai carabinieri. La Procura di Messina aveva subito aperto un’inchiesta contro ignoti e disposto l’esame autoptico sul corpicino della minorenne.

I genitori della minore morta lo scorso gennaio avevano riferito che la piccola era affetta da un disturbo a una valvola aortica connessa al polmone ma era stata sottoposta a un intervento chirurgico lo scorso novembre, a cui aveva fatto seguito una tracheotomia mirata a farla respirare meglio. Alla fine la piccola era stata operata anche per un’ernia polmonare. I tanti interventi chirurgici, però, non avevano creato problemi alla neonata. All’improvviso il mondo è crollato sui genitori di Messina: la loro figlioletta si è spenta improvvisamente.L

Luci e ombre sulla sanità messinese

La sanità messinese è balzata spesso agli onori delle cronache negli ultimi anni. Un neonato, ad esempio, è morto 5 giorni dopo la nascita. Anche in tal caso, i genitori hanno deciso di sporgere una denuncia. Il cuore del bebè non batteva dopo la nascita e il suo viso era violaceo. Il defibrillatore mancava nel reparto e i medici avevano dovuto attendere che arrivasse. Il neonato, dopo il trasferimento al reparto di terapia intensiva neonatale, è morto per encefalopatia ipossica-ischemica. La Procura ha disposto il sequestro delle cartelle cliniche.

‘Non è tollerabile che avvengano queste cose per incompetenza. Non è possibile, Giovannino stava bene’, ha detto la madre del neonato morto a Messina durante un collegamento in diretta con il programma Pomeriggio 5.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *