Cronaca

Bimbo di 3 anni dimesso dal Santobono, muore dopo poche ore

Bimbo morte Santobono dimessoLa domanda che a Napoli, e non solo, molte persone si stanno ponendo in queste ore è: perché il bimbo di 3 anni trasportato all’ospedale Santobono e poi dimesso è morto? E soprattutto: perché il piccolo è stato dimesso? In base a una prima ricostruzione, il bimbo di Ercolano era stato trasportato ieri sera al Pronto soccorso del Santobono perché lamentava dolori all’addome. I medici lo avevano esaminato attentamente, riscontrando infiammazione delle vie aeree, diarrea e fitte all’addome. Nonostante ciò, il personale sanitario del nosocomio partenopeo aveva deciso di rimandare a casa il bambino.

Il comunicato del Santobono

Ieri sera, secondo i medici campani, il bimbo non aveva la febbre. Fatto sta che, dopo il ritorno a casa, le condizioni di salute del minorenne sono peggiorate, fino alla morte. Perché?

L’ospedale pediatrico Santobono ha intanto diffuso una nota in cui precisa che, successivamente all’esame del piccolo, ‘il quadro clinico è stato ritenuto, in conformità alle linee guida ordinariamente seguite, non abbisognevole di ricovero e il piccolo è stato reinviato al domicilio, con prescrizione di farmaci e richiesta di controllo presso il curante dopo 24 ore’.

Il bimbo, stamane, quando è arrivato nuovamente al Pronto soccorso del Santobono, era già in arresto cardiaco. Tutte le procedure rianimatorie sono risultate vane. Il decesso è avvenuto alle 7.43.

Santobono: eccellenza italiana

Ovviamente è stata avviata un’indagine interna per fare luce sulla morte del bimbo di Ercolano. Il decesso stupisce ancor di più se si pensa che il Santobono è una vera eccellenza italiana in ambito sanitario: dall’inizio di quest’anno ad oggi il Pronto soccorso di tale nosocomio ha accolto oltre 100mila bimbi.

La Direzione dell’ospedale napoletano ha espresso le sue condoglianze ai genitori del bambino, assicurando che si farà il possibile per scoprire il motivo della morte del minorenne.

Pretende che si scopra al più presto la causa del decesso del piccolo anche Francesco Emilio Borrelli, consigliere regionale dei Verdi. E’ necessario scoprirlo anche per difendere la professionalità dei tanti medici ed infermieri che lavorano nella nota struttura sanitaria campana.

Join The Discussion

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.