Bimbo dimenticato in Autogrill, padre disattento denunciato per abbandono di minore

By | 2 novembre 2017

Bimbo disabile dimenticato in AutogrillGenitori sbadati e rischi per i minori. Un bimbo è stato dimenticato in Autogrill, sabato scorso. L’episodio comunque ha avuto un lieto epilogo. Il papà, infatti, una volta arrivato a destinazione si è accorto dell’assenza del minore ed è tornato indietro. Il piccolo, residente in Liguria, si stava recando a Como con il fratello, il padre e lo zio. Il gruppo aveva deciso di fare una sosta in un Autogrill di Novara, sulla A4. Quando era arrivato il momento di risalire in macchina, però, il bimbo era rimasto nell’area di servizio. Stranamente, nessuno se n’era accorto. Ad accorgersi del minorenne, però, erano stati gli operatori dell’Autogrill, che subito avevano chiamato la Polizia. Una volta arrivato a Como, il papà, di origini egiziane, si era reso conto dell’assenza del bimbo ed era subito tornato a Novara. Il piccolo era rimasto insieme alla Polizia. L’uomo si è scusato ma la disattenzione gli è costata una denuncia per abbandono di minore.

Bimbo disabile

Un sabato diverso dal normale per gli operatori pluriservizio di un Autogrill sull’autostrada Torino-Milano. C’era un bimbo di 10 anni solo, che vagava senza meta. Gli addetti hanno subito allertato le forze dell’ordine, intuendo che quel minorenne era stato dimenticato dai genitori. Il piccolo è anche affetto da disabilità.

Al padre distratto è andata bene, poiché il figlio è disabile, quindi avrebbe potuto cacciarsi facilmente in qualche pericolo nell’Autogrill più antico d’Italia, fondato nel ’50 dalla Pavesi.

In questa società caotica e stressata può capitare anche di ripartire senza i figli, di fare una sosta in una stazione di servizio e poi ripartire senza prole. Questi episodi dimostrano quanto la società attuale sia confusa. Un genitore dovrebbe preoccuparsi prima dei figli minorenni che di se stesso, invece gli innumerevoli episodi di cronaca dimostrano l’esatto contrario.

L’egiziano residente in Liguria, dopo la tappa in Autogrill, era ripartito come se nulla fosse, senza accorgersi dell’assenza del figlioletto disabile. Se n’è accorto dopo una settantina di chilometri, quando è arrivato a destinazione. Senza alcun indugio, è tornato indietro rapidamente per abbracciare il figlio. Nel frattempo quest’ultimo era stato sfamato e rassicurato dai poliziotti.

Papà sbadato vive a Savona

Il papà sbadato, residente a Savona, non ha potuto fare nulla per evitare la denuncia per abbandono di minore. Ha assunto un comportamento che integra perfettamente la fattispecie contemplata dal codice penale italiano.

Sempre nel Nord Italia, nel 2013, una famiglia aveva dimenticato un bimbo di 9 anni in Autogrill. Padre, madre e due figli, residenti a Bergamo, avevano decisi di recarsi in Trentino, per una vacanza, in camper. A un certo punto era sopraggiunta la stanchezza e il guidatore aveva deciso di fermarsi all’area di servizio per prendersi un caffè. I piccoli dormivano. L’uomo era sceso, e dopo il caffè si era rimesso in viaggio, credendo che i bimbi fossero rimasti a dormire.

Il bimbo di 9 anni, mentre il padre prendeva il caffè, era sceso ma non aveva fatto in tempo ad allertare i genitori, che nel frattempo erano ripartiti. Ad accorgersi di tutto era stato un casellante, che aveva rapidamente allertato il Centro operativo autostradale. In pochissimo tempo, il bimbo aveva potuto riabbracciare i genitori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *