Bullismo a Genova, picchiato e rasato sulla nuca per strada

By | 28 aprile 2017

Un bambino di 10 anni è stato preso di mira e spintonato per strada da alcuni bulli che, successivamente, gli hanno rasato la nuca per umiliarlo, intimorirlo e assoggettarlo. Episodio di bullismo a Genova. La vicenda è venuta alla ribalta dopo la denuncia fatta alla Polizia dalla madre del ragazzino, precedentemente avvisata dal dirigente scolastico dell’istituto genovese. La Polizia si è messa subito ad indagare in merito, visionando anche i filmati delle telecamere di videosorveglianza. I bulli avrebbero 15 anni circa.

Il ragazzino potrebbe essersi inventato tutto

Il bullismo è una piaga che opprime anche Genova. Lo sa bene un bimbo di 10 anni che, ieri, mentre si stava recando a scuola, ha dovuto fare i conti con alcuni bulli adolescenti. La madre del minorenne ha detto che, ieri, il figlio si era voluto recare a scuola da solo. Una circostanza ‘ghiotta’ per la banda di bulli, subito entrata in azione nelle vie della Valbisagno. Il piccolo si è ritrovato, in un attimo, con la nuca rasata. Gli agenti adesso indagano per risalire ai due bulli che, a detta del ragazzino, sono adolescenti. Non si esclude nessuna pista, attualmente, nemmeno quella menzogna proferita dal bambino. E’ probabile, infatti, che questo si sia inventato tutto dopo essersi rasato da solo la nuca, per timore di un veemente rimprovero della madre.

La Polizia indaga per scoprire la verità

Il bimbo genovese, vittima di un presunto atto di bullismo, ha detto ai poliziotti di essere stato rasato presumibilmente con una macchinetta simile a quella che usano i barbiere. Ne avrebbe, però, sentito solo il rumore perché era di spalle. A far insospettire gli investigatori, però, è il fatto che, recentemente, il bambino aveva detto alla madre di avere intenzione di rasarsi i capelli, ma lei era contraria. Sarà compito della Polizia verificare se, effettivamente, a Genova si sia registrato un caso di bullismo o il minorenne si sia inventato tutto per evitare la ramanzina materna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.