Bullismo a scuola: 12enne tenta di darsi fuoco

By | 12 dicembre 2017

Un 12enne di Cefalù (Palermo) ha cercato di darsi fuoco davanti ai professori. L’episodio è avvenuto ieri mattina, presso la scuola media dell’istituto comprensivo Rosario Porpora di Cefalù, ma solo adesso è balzato agli onori delle cronache. A un certo punto il 12enne, che frequenta la seconda media, si è alzato e si è gettato del liquido infiammabile sul corpo; poi ha minacciato di darsi fuoco. Gli insegnati, increduli, hanno evitato il peggio. Il minorenne si è solo bruciato un po’ la felpa. Nessuna bruciatura sul corpo.

Sul caso indagano i carabinieri

Si dovrà accertare il motivo per cui il 12enne di Cefalù, ieri mattina, ha cercato di darsi fuoco in classe.

I carabinieri non escludono che il ragazzino sia vittima di bullismo. E’ probabile che studenti di altre classi lo sottopongano costantemente a soprusi. In queste ore i militari stanno tentando di esaminare la vita e le frequentazioni del minore.

Bullismo ‘divora’ la Sicilia

Nuovo presunto caso di bullismo a Cefalù, Comune in provincia di Palermo. Se i prof non fossero intervenuti tempestivamente, forse il 12enne si sarebbe dato fuoco davanti a tutti.

L’episodio è arrivato a poche ore da un altro agghiacciante caso di bullismo, sempre in Sicilia.

Una ventenne di Noto (Siracusa) sarebbe stata continuamente derisa e vessata da 5 coetanei, 2 maggiorenni e 3 minorenni. A segnalare gli abusi sarebbe stata la ventenne.

Dopo aver ricevuto la denuncia, sono partite le indagini dei carabinieri, che hanno consentito di appurare gli atti di bullismo.

I 5 ragazzi sono stati denunciati. Per 2 anni avrebbero sottoposto ad angherie la coetanea. Questa ha raccontato che veniva sempre derisa per la sua corporatura robusta. Una volta le avevano anche tirato contro alcune pietre.

La ragazza siciliana era esausta, non riusciva più a vivere, e così aveva deciso di recarsi al Pronto soccorso. Quel disagio psichico le aveva procurato anche malesseri fisici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.