Buone notizie dalla borsa americana: Pil in crescita a +5%

By | 23 dicembre 2014

Merito forse dei ritrovati consumi e degli investimenti sempre più orientati sul nuovo mondo dell’hi-tech: sta di fatto che il Pil americano ha toccato, nell’ultimo trimestre, il picco del +5%, il miglior risultato da 11 anni a questa parte. Gli americani, con i loro consumi, rimettono dunque le ali ad un mercato che sembrava essersi fermato anche oltreoceano. “I dati americani dimostrano che puntare su investimenti e crescita funziona“, ha commentato il nostro premier Matteo Renzi su Twitter, puntando il dito contro la politica di austerity da sempre sostenuta dall’Unione Europea e che sarebbe invece una delle concause di questo momento di difficoltà e di stallo nella situazione economica non solo dell’Italia, ma anche di molti altri paesi dell’UE. Wall Street, che chiude a +18.026,48, trascina in alto anche le borse europee, compresa la borsa di Milano, che si regala un +1,46%.

In calo invece la moneta europea: l’euro scende addirittura al di sotto degli 1,22 dollari, come non accadeva più dal 2012. Attenzione puntata sulle nuove mosse della Fed, ora che  Janet Yellen chiude il suo primo anno di guida, avendo per lo più mantenuto la stessa rotta tenuta dal suo predecessore Ben Bernanke; vedremo se nei prossimi mesi saprà invece dare una nuova impronta, magari più aggressiva e innovatrice, cercando di ridare forza ai mercati e all’economia europea.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.