Cade dalla bici e viene divorato da batterio mangia carne

By | 26 gennaio 2018

Liam Flanagan ucciso da batterio mangia carne a 8 anniPer un bimbo americano di 8 anni una caduta dalla bici è stata fatale. Liam Flanagan stava pedalando nei pressi di una collina, a Spring Creek (Oregon), ma improvvisamente è caduto e il manubrio gli ha strappato i jeans. Qualche giorno dopo, il ragazzino aveva accusato dolori lancinanti. Sul suo inguine c’era un ‘segno rosso-violaceo e cancrenoso’. Il minore, dunque, era stato portato all’ospedale dalla mamma, Sara Hebard. I medici, dopo aver visitato Liam, avevano diagnosticato una fascite necrotizzante, ovvero un’infezione rara che nel 30% dei casi è mortale. Il personale sanitario aveva detto alla Hebard che il bimbo era stato colpito dall’infezione probabilmente dopo la caduta dalla bici.

Amputazione necessaria

Come fare per fermare il batterio mangia carne? Il personale sanitario
dell’ospedale pediatrico di Doernbecher, a Portland, aveva spiegato ai genitori di Liam che per bloccare il terribile batterio era necessario amputare.

‘Fondamentalmente lo hanno tagliato pezzo per pezzo’, ha detto Scott Hinkle, il patrigno del bambino americano.

La Hebard, invece, ha dichiarato: ‘Quasi tutto il suo lato destro era sparito. Continuavano a tagliare e sperare. Taglio e speranza’.

Liam era caduto dalla bici lo scorso 13 gennaio 2018. Dopo 8 giorni è morto in ospedale a causa di una rara infezione provocata da un batterio mangia carne.

Pensava che sarebbe presto tornato a casa

Mamma Sara ha affermato che il figlio, nonostante fosse intubato e senza arti, era rimasto ‘forte e coraggioso’. Il piccolo rideva e scherzava con gli amici anche in ospedale, mostrando i tubi. Non voleva che fossero preoccupati per lui.

‘Dovrò restare qui un paio di giorni e poi tornerò a casa’, aveva detto Liam ai suoi amici. Il piccolo, purtroppo, non è più tornato a casa.

‘Era un raggio luminoso di sole, amava tutti e tutti lo amavano, era una di quelle persone che entrano in una stanza e attirano tutti’, ha aggiunto Sara.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.