Cade da un grattacielo: Yong Ning perde sfida con la morte

By | 11 dicembre 2017

Aveva scalato tanti grattacieli altissimi ma un mese fa qualcosa era andato per il verso sbagliato. L’impavido Yong Ning si divertiva, come molti altri giovani cinesi, a sfidare la morte sui grattacieli. Sul web ci sono molti filmati che mostrano cosa fanno tanti ragazzi in cima ad edifici estremamente alti. Una pratica molto pericolosa che, lo scorso 8 novembre, Yong Ning ha pagato con la vita. I seguaci del cinese avevano intuito che qualcosa di negativo fosse accaduto, visto che sui suoi profili social non era stato più postato nulla.

Fidanzata conferma il decesso

La fidanzata di Yong Ning ha confermato lo scorso 8 dicembre il decesso dell’impavido ragazzo: ‘Oggi è l’8 dicembre, mi fa pensare all’8 novembre, il giorno che ci ha lasciato, che ha lasciato questo mondo’.

Non sono ben chiare le circostanze della morte del 26enne cinese è indubbio che non sia passato a miglior vita per cause naturali.

Yong Ning era diventato molto famoso sui social media e su diversi siti di video-sharing, dove postava filmati avvincenti, che lo ritraevano su grattacieli altissimi, sulle gru o su altre sommità artificiali e naturali.

L’audace 26enne vantava 235.000 fan su Meipai.

Yong Ning preparava imprese pericolose

Si vocifera che il giovane stesse preparando altre imprese altamente pericolose per realizzare video avvincenti e guadagnare soldi. Il ragazzo aveva bisogno di denaro per pagare le spese mediche della mamma malata.

Non è difficile trovare online video che ritraggono le imprese del funambolo, acrobazie che, però, gli sono costate la vita.

Il Daily Star ha riferito che Yong Ning era abituato a salire sui tetti dei grattacieli e compiere numeri molto pericolosi. Uno di questi l’ha pagato a caro prezzo lo scorso 8 novembre, a  Shangsha, in Cina.

Voleva sfidare tutti i grattacieli senza protezioni

Sui social media cinesi sono stati postati, di recente, molti messaggi per omaggiare l’intrepido funambolo.

Ning aveva detto durante un’intervista che il suo obiettivo era ‘sfidare di tutti i grattacieli del mondo senza protezioni’.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.