Caffè in capsule inquina? Nespresso mira al sostenibile entro il 2020

By | 7 settembre 2016
loading...

Il caffè in capsule, ormai, ha preso il sopravvento nel mondo. A quanto pare, ci sono più capsule che macinato. Il dato emerge da un recente studio condotto in Gran Bretagna, dove le capsule hanno ormai superato il caffè solubile e macinato.

Lo spettro dell’inquinamento non fa desistere i produttori

Non è un azzardo parlare di rivoluzione nel mondo del caffè. Il problema, però, che pongono capsule e cialde riguarda il riciclo. Tali oggetti, infatti, attualmente non si possono riciclare. Molti leader del settore però, come Nespresso, stanno cercando di risolvere la problematica. Nespresso ha assicurato che entro il 2020 creerà caffè totalmente sostenibile. Il magazine The Grocer, intanto, dice che tra una manciata di mesi la vendita del caffè in capsule e delle cialde sorpasserà quella del caffè solubile e macinato. Lo spettro dell’inquinamento, a quanto pare, non fa desistere i grandi brand del caffè: la voglia di guadagnare è tanta.

Caffè in capsule negli uffici comunali di Amburgo

Il caffè in capsule è veramente inquinante? C’è da preoccuparsi?  In molte zone del mondo si sta già correndo ai ripari. In alcuni uffici di Amburgo, in Germania, le capsule sono state vietate negli uffici comunali per contrastare l’inquinamento. E’ l’imballaggio del caffè in capsule la causa dell’inquinamento. Ogni giorno, nel pianeta, vengono sorseggiate 2 miliardi di tazzine di caffè. Peccato che gran parte di esse comporta la produzione di rifiuti che non si possono riciclare. Nei bar e nei ristoranti di tutto il mondo, ormai, viene offerto quasi sempre il caffè in capsule. E’ un vero problema. Negli Stati Uniti oltre il 10% della popolazione beve almeno un caffè fatto con una macchina che funziona con le capsule.

Il caffè in capsule è buono e amato in tutto il mondo. In Europa, negli ultimi mesi, le vendite delle macchine a capsula del caffè hanno battuto quelle delle macchine che funzionano con il caffè macinato. Tutto ciò con buona pace degli ambientalisti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *