Cannibali russi confessano di aver mangiato almeno 30 persone

By | 25 settembre 2017

Russia, cannibali rivelano omicidiC’è a chi piace la pasta, a chi la verdura, a chi la carne e a chi la carne di uomo. Ebbene sì, i cannibali esistono ancora, e non solo in tribù dell’Africa nera. C’è chi è ghiotto di carne umana anche in Europa. Nelle ultime ore la Polizia russa ha arrestato un uomo e una donna perché avrebbero ucciso decine di persone e poi mangiato parti dei loro corpi. Una storia orribile, accaduta veramente a Krasnodar, una cittadina russa.  I poliziotti hanno affermato che la famiglia russa ha rivelato di aver ucciso e mangiato almeno 30 persone dal 1999 ad oggi. Il 35enne Dmitry Bakshaev e la moglie Natalia, 42enne, avrebbero portato in tavola anche una testa umana imbottita e decorata. La coppia avrebbe ancora conservato resti umani in vasetti, un po’ come si fa, ad esempio, con la frutta sciroppata. Tutto ciò è semplicemente raccapricciante. Dmitry e Natalia sono stati portati in prigione dopo il ritrovamento del corpo squartato di una giovane donna presso l’accademia militare di Krasnodar, dove ambedue avevano lavorato.

Foto macabre archiviate nel telefonino

Il cannibalismo sussiste anche in Russia. C’è chi predilige la carne umana a tutto. Dmitry Bakshaev ha ammesso di aver ucciso la giovane donna e tante altre altre persone dopo il ritrovamento, da parte degli agenti, di un telefonino contenente foto macabre, ritraenti il 35enne vicino a uomini defunti. L’uomo ha rivelato agli investigatori di aver iniziato il suo orripilante ‘regno del terrore’ nel 1999.

I poliziotti finora hanno scoperto numerosi vasetti contenenti arti umani e pelle umana. Le indagini proseguono. E’ probabile che verranno fatte altre scoperte raggelanti.

Cannibali drogavano e uccidevano le vittime

Dmitry e Natalia sono accusati di aver narcotizzato le loro vittime con il Corvalol. Quando uomini e donne si addormentavano, la coppia malvagia li uccideva e poi li squartava, conservando i vari arti nel frigo, in cantina e nel freezer.

Gli agenti russi hanno trovato anche 19 frammenti di pelle umana essiccata, staccata presumibilmente dalle vittime dei due spregiudicati amanti.

Corpo smembrato di una donna in un sacchetto

Le manette sono scattate per il cannibale Dmitry lo scorso 12 settembre 2017, quando in un sacchetto, presso l’accademia militare, sono stati ritrovati gli arti di una donna fatta a pezzi. In un’altra borsa erano riposti i suoi oggetti personali. Dmitry aveva lavorato nell’accademia assieme alla moglie, che fa l’infermiera.

Sia Natalia che Dmitry hanno confessato di aver ucciso tante persone dal 1999 ad oggi. Lo scopo è sempre stato quello di consumare carne umana. Il sito Livekuban.ru ha reso noto che nella casa della coppia sono state trovate video lezioni per cannibali.

Testa imbottita e farcita con arance a Natale

Sul web, recentemente, sono state postate diverse immagini dei due cannibali russe, alcune abbastanza orripilanti. Uno scatto, ad esempio, ritrae una testa umana imbottita e farcita con arance, su un vassoio. Tale nauseante pietanza sarebbe stata servita a Natale.

loading...

Dopo l’arresto dei due cannibali è stata aperta un’inchiesta per omicidio. Sono già stati ordinati svariati esami forensi per approfondire il caso. Durante l’inchiesta, gli investigatori dovranno ancora scoprire l’eventuale coinvolgimento degli imputati in altri omicidi commessi recentemente. Da due persone del genere, capaci di mangiare carne umana, ci si può aspettare di tutto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *