Cardito, 16enne muore in un centro scommesse

By | 21 settembre 2016

Un 16enne ha accusato un malore in un centro scommesse e, poco dopo, è morto. E’ successo ieri, 20 settembre 2016, a Cardito, nel Napoletano. Vani i soccorsi del personale del 118. Tutti i tentativi di rianimazione sono andati a vuoto. Il 16enne era insieme al padre.

Vincenzo Galeoto soffriva di asma cronica

Tragico episodio a Cardito. Un 16enne è stato tradito probabilmente da un arresto cardiaco mentre si trovava in un centro scommesse con il papà. Il giudice ha deciso di non disporre l’esame autoptico sul cadavere del minorenne. Il corpo del giovane è stato così restituito ai familiari. Il 16enne Vincenzo Galeoto, moglio conosciuto a Cardito, si poteva salvare? Forse sì. Il giovane soffriva di asma cronica ma pare che ieri si fosse dimenticato di assumere la dose quotidiana di cortisone. Una disattenzione esiziale. Vincenzo ha iniziato a sentirsi male ieri sera, nel centro scommesse di via Camillo Daniele. Secondo i testimoni, il ragazzo ha iniziato a respirare affannosamente; poi è caduto per terra. Il 16enne si era assentato un attimo dal lavoro  per fare una scommessa.

Gli operatori sanitari sono arrivati immediatamente nel centro scommesse di Cardito ma ogni pratica rianimatoria è stata inutile. Sul posto è arrivato anche il padre di Vincenzo, che lavora in una nota pescheria della zona. Le tristi scene sono state riprese dalle telecamere di sorveglianza poste nel centro scommesse: per questo motivo il giudice ha ritenuto non disporre l’autopsia sul corpo di Galeoto. Le esequie si svolgeranno oggi, 21 settembre 2016, alle 16.15 presso la chiesa di San Biagio.

Una disattenzione fatale

Una dimenticanza è costata la vita a un 16enne affetto da asma cronica. Vincenzo non si era ricordato di assumere il cortisone. Secondo la maggior parte dei medici,  uno degli errori più comuni è considerare l’asma cronica una patologia ‘seria, ma poi non così pericolosa’. Non è così: tale malattia può causare crisi respiratorie impreviste che, non di rado, determinano addirittura la morte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *