Carro funebre senza assicurazione: stop ai funerali

By | 10 febbraio 2018

carro-funebre-con-salma-a-bordo-sequestratoOgni veicolo a motore senza guida di rotaie non può circolare senza copertura assicurativa, come previsto dalla legge. Forse il titolare di un’agenzia funebre genovese non lo sapeva, o forse ne era al corrente ma ha provato a fare il furbetto. Fatto sta che oggi, con la tecnologia, è molto difficile imbrogliare le forze dell’ordine e lo Stato. I vigili urbani di Genova hanno sequestrato un carro funebre in cui era stata caricata la bara, dopo le esequie. Il veicolo era sprovvisto di copertura assicurativa e revisione. Il sequestro è avvenuto dinanzi alla Chiesa di Nostra Signora Assunta e Santa Zita.

Salma doveva essere trasportata a Macerata

La notizia del carro funebre senza assicurazione è stata riportata da numerosi tabloid e siti web, tra cui il Secolo XIX. Sembra che i vigili si siano accorti della violazione con il sistema ‘Grifone’. Il mezzo è stato sequestrato nonostante all’interno vi fosse la bara. La salma doveva essere trasportata a Macerata per la tumulazione. Il titolare dell’agenzia funebre, allora, ha provato a farsi prestare un altro carro funebre da un collega ma il tentativo è stato vano. La legge non contempla tale eventualità.

Come fare per trasportare la salma da Genova a Macerata con il carro funebre senza assicurazione? Semplice, bisogna pagare l’assicurazione. Il titolare dell’agenzia funebre ha provveduto così a pagare sia la multa che l’assicurazione. Il mezzo però non è potuto ripartire subito perché la legge prevede che le assicurazioni semestrali scadute sono valide a partire dalla mezzanotte del giorno successivo al pagamento.

Carro funebre fermo dalle 10 alle 24

Nonostante il pagamento della multa e dell’assicurazione, il carro funebre con la bara a bordo è rimasto fermo dalle 10 alle 24, presso il parcheggio della Chiesa. Una volta scoccata la mezzanotte, il carro funebre ha ripreso il suo cammino. Alla fine, la salma è stata trasportata a Macerata e tumulata. Un funerale un po’ movimentato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.