News

Carte di credito in grado di dissolversi

Carte di credito e molti altri prodotti elettronici saranno capaci di dissolversi

Carte di credito in grado di dissolversi
Gli scienziati stanno cercando di mettere in atto dei materiali mescolandoli alla moderna elettronica in modo da poter realizzare delle carte di credito più sicure in grado di autodistruggersi, tramite l’invio di un impulso, quando vengono rubate
Ad occuparsi del progetto è un chimico esperto di materiali che opera alla “Iowa State University”, Reza Montazami, il quale ha specificato che si tratta di un nuovo modo di pensare l’elettronica, ma ci ammonisce anche di non esagerare con la fantasia: non dovremo aspettarci di avere degli oggetti in grado di sparire completamente nel nulla senza lasciare alcuna traccia, ma in grado piuttosto di trasformarsi in qualcos’altro.
Montazami ha definito questa sua nuova tecnologia “materiali transitori” o “elettronica transitoria”. I materiali sono polimeri speciali progettati per fondere in modo rapido quando viene attivato un dispositivo.
E a quanto pare Montazami sta facendo progressi davvero sensazionali in questo campo.
Il suo team di ricerca sta sviluppando materiali compositi polimerici biodegradabili che verranno utilizzati come piattaforme per componenti elettronici; tra i primi esperimenti portati a termina dal team vi è quello di un antenna degradabile capace di trasmettere dati .
I ricercatori hanno spiegato che l’indagine sui dispositivi elettronici basati su materiali transitori o elettronici, si muove in un  contesto del tutto nuovo , mai esplorato fino adesso, che potrà fornire degli apporti essenziali nel campo militare e medico.
Per dimostrare l’applicabilità del suo progetto, Montazami ha realizzato un filmato dove mostra un esperimento basato su un diodo emettitore di luce blu montato su un polimero trasparente di base composita con dei conduttori elettrici incorporati all’interno. Basta aggiungere una semplice goccia d’acqua e la base e il cablaggio cominciano a sciogliersi. Dopo pochi secondi la luce si spegne e una seconda goccia d’acqua degrada quel poco che è rimasto.
I suoi collaboratori hanno già sviluppato e testato resistenze, transistor e condensatori. Stanno lavorando inoltre su un LED transitorio.
Uno degli obiettivi finali di tale ricerca è quello di creare dei prodotti elettronici, come chip e microchip, contenenti dati in grado di dissolversi nel momento stesso in cui il proprietario lo decide, tramite un apposito dispositivo. Si potranno creare carte di credito molto più sicure, ma anche prodotti più complessi, come smartphone, o le memorie dei pc e dei tablet. Il tutto, speriamo, per proteggere meglio la nostra privacy.

Join The Discussion

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.