Caserta, avverte forti dolori al ventre: Maria Stasio partorisce a 48 anni

By | 26 ottobre 2016

Una donna di 48 anni, Maria Stasio, un giorno si è svegliata con forti dolori al ventre e alla schiena. Pensava fossero fitte dovute ai calcoli e, immediatamente, si fece portare dal marito in una clinica nel Casertano. Maria non aveva i calcoli ma stava per partorire.

Maria Stasio aveva provato molte volte ad avere un bebè

Grande lo sgomento della 48enne di Grazzanise dopo essere arrivata alla clinica Pineta Grande. Stava per dare alla luce un bebè. In passato la donna aveva provato più volte ad avere un figlio, senza mai riuscirci. Alla fine la 48enne e il marito si erano rassegnati. Uno stupore forte per una donna in menopausa a cui anche i medici avevano detto di non essere più fertile. Un caso strano, dunque, a Caserta. La piccola Maria Pia è nata normalmente e gode di ottima salute. La Stasio ha rivelato che, in passato, aveva provato molte volte ad avere un figlio ma  il test di gravidanza risultava sempre negativo. Alla fine la 48enne non aveva dato più peso ai ritardi. Invece, mai dire mai.

Parto speciale alla Pineta Grande di Castel Volturno

Un parto veramente speciale alla clinica Pineta Grande di Castel Volturno. Ieri è nata Maria Pia, una bimba sana con una mamma 48enne. Tutto il personale sanitario della clinica è al settimo cielo ed orgoglioso che nella struttura sia avvenuto un altro ‘parto particolare’. Alla Pineta Grande venne alla luce anche Elias, un bimbo partorito dalla 62enne Maria Rosaria Veneruso.

Maria Stasio aveva più volte provato ad avere un figlio, ricorrendo anche alla fecondazione assistita. Ogni tentativo, però, andava a vuoto. Ora la lieta sorpresa.

I medici della clinica nel Casertano hanno reso noto che la Stasio si era recata al Pronto Soccorso lamentando dolori fortissimi all’addome. Dopo una visita è stato accertato che la donna era in fase di travaglio. Poco dopo è nata Maria Pia. La bimba pesava 1,65 kg. Una lieta sorpresa per Maria Stasio, che finalmente corona il suo sogno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *