Ceglie Messapica choc: romena e feto morti in garage

By | 31 ottobre 2016

Tragico ritrovamento a Ceglie Messapica, in provincia di Brindisi. Una 27enne romena e un feto sono stati trovati senza vita in un garage. Sul posto sono arrivati subito i carabinieri, allertati dal proprietario dell’appartamento in cui vivono diversi familiari della romena. Il garage si trova nello stesso edificio dell’appartamento.

Il feto aveva il cordone ombelicale reciso

I carabinieri stanno cercando di scoprire le ragioni della morte della romena e del feto. Quest’ultimo è stato trovato in una bacinella piena d’acqua: aveva il cordone ombelicale tagliato. Non si esclude nessuna ipotesi. E’ probabile che l’immigrata sia deceduta per un’emorragia. I familiari non avevano più notizie della vittima da circa 12 ore. Nello stabile di Ceglie Messapica sono arrivati sia i carabinieri che i vigili del fuoco, che hanno forzato la porta del garage ed hanno fatto la macabra scoperta.

Anche a Brindisi, come in altre città italiane, la comunità romena è folta. Spesso, però, i romeni sono protagonisti di episodi di cronaca nera. Non sempre, infatti, chi sceglie di recarsi in Italia ha una vita facile. Non è semplice trovare un lavoro in un Paese che offre già poco ai suoi cittadini. Molti romeni in Italia, purtroppo, cadono nel tunnel della depressione e spesso sono assoldati dalla Malavita. Eppure, in base al dossier IDOS, relativo all’anno 2015, quella romena è la comunità di immigrati più grande in Italia.

Comunità romena: la più cospicua in Italia

Antonio Ricci, studioso del Centro Studi e Ricerche Idos, ha sottolineato che la comunità romena è la più ‘nutrita’ in Italia, sebbene negli ultimi tempi molti romeni abbiano scelto di tornare in patria. In Italia ci sono sempre più alunni romeni nelle scuole. Notevole anche il numero degli studenti romeni iscritti nelle università italiane.

A fronte di tanti lavoratori, però, ci sono numerosi delinquenti romeni in Italia. Sembra che in Romania sia diffusa l’idea che in Italia è tutto permesso, ovvero che si può delinquere senza problemi perché, prima o poi, si potrà uscire dal carcere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.