Cronaca

Cerignola, violenta la figlia davanti alla nipotina

Cerignola padre abusi figliaUn orco, più che un padre, quello arrestato lo scorso 12 dicembre a Cerignola, in provincia di Foggia. L’uomo ha sempre reso complicata la vita della figlia con minacce e offese, verbali e fisiche. Lo scorso 6 novembre, una ragazza si era presentata al Pronto soccorso, dicendo di essere stata aggredita e violentata dal padre davanti alla figlioletta di 7 anni. La piccola aveva urlato ed implorato il nonno di lasciare stare la madre. L’orco però avrebbe continuato a picchiare e stuprare la figlia, dandosi poi alla fuga.

Violento dopo aver scoperto la nuova relazione della figlia

Dopo aver subito la violenza, l’ennesima, la giovane pugliese ha chiesto aiuto alle forze dell’ordine. Dopo aver ricevuto la denuncia, la Polizia ha iniziato a compiere gli accertamenti.

Secondo il racconto della vittima degli abusi, il padre era diventato violento da quando aveva scoperto che aveva una nuova relazione sentimentale. La donna si è separata dal marito, da cui ha avuto due figli, ed ora flirta con un altro uomo. Ebbene, proprio tale circostanza avrebbe dato fastidio al padre-orco.

Ennesima storia triste di abusi tra le mura domestiche. La ragazza di Cerignola ha rivelato che il padre è sempre stato violento: per sottrarsi alle angherie del genitore, aveva lasciato casa a 15 anni, iniziando a vivere con quello che sarebbe diventato suo marito.

Minacce e offese

Da quando aveva appreso che la figlia si era separata dal marito ed aveva instaurato una nuova relazione sentimentale, quell’uomo era diventato irriconoscibile. La vittima delle violenze ha detto di essere stata anche minacciata di morte diverse volte.

Il padre violento non si limitava a picchiare e stuprare la figlia, ma la offendeva anche pubblicamente. Le riservava epiteti a dir poco osceni. Un giorno l’orco avrebbe telefonato all’ex marito della figlia, informandolo della sua intenzione di farle del male.

Minacce, botte e stupri sono finiti, adesso, per una giovane pugliese. Il padre padrone è finito in carcere. Ora si trova nella casa circondariale di Foggia.

Join The Discussion

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.