Senza categoria

Chiusura domenicale di negozi e centri commerciali: il Governo vuole disciplinarne le aperture

Negozi e centri commerciali chiusi la domenica e i giorni festivi; questa è il nuovo provvedimento del Governo in fase di elaborazione; l’Italia fa un passo indietro nell’evoluzione commerciale; dopo le liberalizzazioni nate con la norma inserita dal governo Monti nel SalvaItalia; norma ben accolta sia dagli esercenti che dai cittadini di tutto lo stivale; più elasticità di orari e aperture straordinarie che hanno consentito finora di poter fare la spesa o shopping in qualunque momento; una libertà utile soprattutto a quei lavoratori che dispongono di poco tempo, bene accolta anche la possibilità di trovare centri commerciali aperti la notte; orari straordinari in uso da tempo sia in America che in altri Stati Europei. Ma pare che questa libertà presto verrà azzerata.

Prosegue lo studio delle nuove regolamentazioni

Prosegue cosi  l’iter dell’esecutivo per disciplinare le aperture degli esercizi commerciali e limitarli; in pratica si tornerebbe alle vecchie “abitudini” degli anni precedenti al 2011; un tema difficile che coinvolge esercenti, consumatori e lavoratori; e ora che la questione è stata risollevata è necessario trovare una soluzione che metta d’accordo tutte le parti; il Governo sta valutando cinque diverse possibili strade per regolare le aperture domenicali; le proposte finora presentate riguardano:  Lega, M5s e Pd, oltre a quella della Regione Marche e una di iniziativa popolare.

L’iniziativa popolare

Al vaglio dell’esecutivo c’è anche la proposta di iniziativa popolare depositata da una delegazione di Confesercenti alla Camera dei deputati il 14 maggio 2013. Oltre 150mila firme raccolte a favore dei piccoli rivenditori con una legge che azzerri le già citate liberalizzazioni del Salva Italia e riconferisca  alle Regioni il potere di regolamentare gli orari e i giorni di apertura e chiusura dei negozi. Una questione quella delle aperture degli esercizi commerciali che mette in campo punti di vista e necessità di svariati generi e trovare l’equilibrio perfetto non sarà semplice, cioè senza scontentare qualcuno.

Join The Discussion

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.