Choc alla Corrida: Rodolfo Rodriguez incornato

By | 7 maggio 2016

Corrida drammatica in Messico, dove il torero Rodolfo Rodriguez è stato incornato ed è rimasto tetraplegico

 

 

loading...

Rodriguez, torero 64enne che amava esibirsi con un sigaro in bocca, è stato preso in pieno da un toro durante una Corrida a Ciudad Lerdo, in Messico. Rodolfo amava la Corrida e, dopo essere stato incornato una prima volta, non volle abbandonare le arene. Stavolta, però, è andata veramente male al torero 64enne, che ha riportato la frattura di 3 vertebre, restando paralizzato dal collo in giù. I medici hanno sottoposto a un delicato intervento chirurgico El Pano (soprannome del torero 64enne) ma non sono riusciti ad evitargli la paralisi. Alla stampa messicana hanno riferito:

“El Pano ha subito un danno irreversibile alle vertebre cervicali, cosa che fa di lui un paziente non più autosufficiente, che dovrà rivolgersi ad altri per espletare anche le sue necessità di base”.

La vita di Rodolfo Rodriguez è stata sempre agitata. Il torero, però, è divenuto l’emblema della tauromachia messicana. Il suo stile originale in occasione delle lotte contro i tori mandava in visibilio le folle. L’altro giorno, però, tante persone sono rimaste di stucco quando hanno visto il loro idolo mentre veniva incornato da un grande toro. Il torero veterano è stato sbalzato dal toro nel corso della seconda corrida della giornata. L’animale, forse distratto dalle urla della gente, non ha colpito il mantello colorato ma ha preso in pieno Rodolfo. Molte persone sono accorse subito nell’arena per soccorrere Rodriguez, che è stato messo su una barella e trasportato in ospedale. Galvan Zermeno, medico che ha curato il torero col sigaro, ha detto:

“Abbiamo trovato sintomi che indicano una gravissima lesione al tessuto spinale. La diagnosi ci porta alla conclusione di una possibile tetraplegia, ovvero l’immobilità di tutto il corpo. Stiamo ancora valutando se intervenire nella seconda vertebra, ma dovremo prima consultare i suoi familiari”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *