Cina, bambino di 7 anni torturato dalla matrigna: genitali ustionati con l’acido

0
bambino maltrattamenti violenza matrigna

La nuova storia di maltrattamenti su un bambino di 7 anni arriva da Hebei, nella Repubblica Popolare Cinese. La nuova moglie di un uomo ha sottoposto suo figlio a torture indescrivibili. A scoprire tutto sono state le insegnanti della scuola.

Ustioni sul corpo: abusi sul figliastro

Siamo abituati a leggere storie di insegnanti che maltrattano i bambini, incastrati dalle telecamere installate negli istituti scolastici, la nuova storia che arriva dalla Cina è molto diversa. In questo caso infatti gli insegnanti hanno salvato un bambino dalle torture. Il piccolo da qualche tempo non stava molto bene ma non riuscivano a capire cosa gli stesse succedendo, poi hanno visto delle gravi ustioni sul suo corpo ed è venuta fuori la terribile verità. Come nella peggiore delle favole che tanto ci hanno traumatizzato durante l’infanzia, anche il bambino cinese era vittima degli abusi della sua matrigna. I fatti sono accaduti a Hebei, nella Repubblica Popolare Cinese e il bambino è stato ricoverato d’urgenza, ha gravi lesioni ai genitali e allo stomaco. Le violenze andavano avanti da diversi mesi e in particolare da quando aveva lasciato la casa dei nonni dove viveva per trasferirsi dal padre che si era risposato.

Bambino costretto a bere acido

Sul corpo del bambino sono state trovate profonde ustioni causate con la candeggina, inoltre i genitali erano stati legati con un elastico per impedirgli di fare la pipì. Queste sono solo alcune delle sevizie a cui è stato sottoposto. Secondo quanto riportano i media locali la matrigna ha costretto il bambino a bere dell’acido e ha subito ustioni allo stomaco. I medici non si sbilanciano sui tempi di recupero del bambino e sui danni riportati. L’autorità giuridica intanto cerca di chiarire quanto accaduto e se il padre del bambino fosse a conoscenza degli abusi.

Leggi anche le altre Notizie di attualità e curiosità di ZZ7 anche su Google News e premi la Stellina cliccando QUI sotto per seguire le News.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.