Claudio Ranieri osannato in Inghilterra: Leicester vince Premier League

By | 3 maggio 2016

Claudio Ranieri porta il Leicester alla conquista della Premier LeagueClaudio Ranieri, allenatore italiano, è riuscito a compiere l’impresa. Il Leicester, squadra che allena, è riuscita ad aggiudicarsi la Premier League. Un sogno che diventa realtà

loading...

 

Il Leicester è diventato campione d’Inghilterra e il ct italiano, che in Italia non ha mai molto gioito, gongola. In Inghilterra Ranieri è diventato una divinità; sì perché è riuscito a compiere una grossa impresa, sbaragliando club del calibro di Manchester United, Manchester City e Chelsea. Nessuno avrebbe scommesso un penny sulla trionfo del Leicester nella Premier League, e invece mai dire mai. Alla fine dell’anno scorso, il club allenato da Ranieri era in zona salvezza ed era difficile anche solo pensare al primo posto. Pare che il ct italiano abbia riunito i suoi nello spogliatoio, esortandoli a provarci, a tentare l’impresa. Alla fine, Claudio e i suoi giocatori hanno centrato l’obiettivo contro ogni pronostico. Ranieri ci ha sempre creduto ed è stato sempre convinto che i suoi avrebbero vinto la Premier League:

“Non so mai contro chi gioco e non mi importa nulla di chi ho di fronte, de nome degli avversari, della storia più o meno gloriosa che portano in campo. Noi giochiamo in 11 e tutti e 11 dobbiamo cercare solo di vincere qualsiasi partita”.

La favola di Ranieri sta facendo il giro del mondo. Un uomo semplice che, dopo aver allenato molti club, come Napoli, Fiorentina, Valencia, Juventus, Roma e Atletico Madrid è arrivato ad aggiudicarsi la Premier League col suo Leicester, un team di giocatori semplici, che giocano con umiltà e con la consapevolezza dell’autorità del mister. Il trionfo del Leicester dimostra che non bisogna mai rassegnarsi, non solo nello sport ma anche nella vita, e cercare di risalire la china anche se ci sono molti problemi. E’ proprio questa mentalità che ha permesso al Leicester di vincere il campionato inglese. Claudio Ranieri ha detto a riguardo:

“Non darsi mai per vinti, qualunque mestiere si faccia e per quanto la situazione sembri brutta. Per quanto ti senta giù e creda di non potercela fare, hai sempre una riserva di energia a cui appellarti. Finita davvero, morte a parte, non è mai”.

Belle parole quelle dell’allenatore italiano che nel Belpaese ha ottenuto spesso grandi soddisfazioni, certo non equiparabili alla vittoria della Premier League. Ranieri, nonostante sia passato molto tempo, non riesce a dimenticare il suo esordio al Campania, quando, contro ogni pronostico, i suoi riuscirono a battere il Cagliari:

“E’ un bellissimo momento, ma se mi concentro su quello che abbiamo fatto, non riesco a non tornare al principio, a Pozzuoli, quando nel 1987 con il Campania, in serie C, battemmo il Cagliari contro ogni previsione e il presidente Orrù e il direttore sportivo dei sardi di allora, Carmine Longo, mi assunsero per iniziare questo strano viaggio,  con la valigia sempre in mano.  Da calciatore, tra Roma, Catanzaro, Catania e Palermo non sono stato un grande campione. Non mi hanno dato subito un grande club da allenare. Cagliari fu l’inizio del sogno. Salimmo dalla terza serie alla serie A. Quegli anni mi diedero la possibilità di essere dove sono oggi”.

Ci congratuliamo anche noi con Claudio Ranieri, che ha dimostrato come si possa trionfare con l’umiltà e il duro lavoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *