Cronaca

Clochard trova 300mila euro all’aeroporto di Parigi: Natale memorabile

Parigi clochard 300mila euroUn clochard che passava giorno e notte presso l’aeroporto Roissy-Charles de Gaulle di Parigi ha fatto perdere le sue tracce dopo aver scoperto 300.000 euro. Il cinquantenne senzatetto avrebbe trovato l’ingente somma nei locali dell’azienda che raccoglie il denaro dai negozi nelle vicinanze e ‘alimenta’ gli sportelli bancomat. Il clochard, davanti a una somma del genere, non ha saputo resistere: ha preso tutte le banconote e si è dileguato. Non capita tutti i giorni, a un senza fissa dimora, trovare 300.000 euro  in contanti.

Clochard stava rovistando nei cassonetti

Una fonte ha reso noto che il cinquantenne si è trovato davanti al denaro per caso: ‘Questo vagabondo ha beneficiato di una combinazione di circostanze per regalarsi un enorme regalo di Natale’.

In base alle prime indagini, il senzatetto, mentre stava rovistando nei cassonetti della spazzatura, si era appoggiato a una porta che, improvvisamente, si è aperta.

L’uomo è entrato nella sala ed è rimasto colpito colpito da due buste piene di soldi. Senza pensarci, le ha prese ed è fuggito.

Senzatetto in fuga

Le Parisien ha rivelato che il cinquantenne si è subito diretto con le buste piene di soldi in una strada priva di telecamere di sorveglianza, facendo così perdere le sue tracce. Difficile adesso scoprirlo.

Gli investigatori francesi, secondo Le Parisien, avrebbero trovato indizi e prove ma per ora non ci sono tracce del clochard.

Quando il senzatetto è entrato nella sala, è scattato l’allarme ma ha avuto il tempo di prendere le buste e scappare.

Il personale dell’azienda deputata a raccogliere il denaro è subito sopraggiunto, accorgendosi che la porta era aperta. Troppo tardi. Quei 300.000 euro non c’erano più.

Il senzatetto, immortalato da alcune telecamere di sorveglianza, non è stato ancora trovato. Sembra che si sia volatilizzato.

Il cinquantenne avrebbe lasciato una valigia vuota nelle vicinanze della sala.

Sull’episodio indagano i poliziotti della frontiera e i colleghi della Polizia giudiziaria di Seine-Saint-Denis.

Join The Discussion

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.