Cucina

Coca Cola alcolica: novità in Giappone

coca-cola-alcolica-giapponeLa regina delle bibite analcoliche, la Coca Cola, cambia e si adegua alle nuove tendenze. Per evitare di barcollare economicamente e farsi superare dalla concorrenza, bisogna anche lanciare prodotti nuovi, in grado di stuzzicare l’interesse della clientela. Nel campo del beverage sta arrivando una grossa novità: la Coca Cola alcolica. Inizialmente, la curiosa bevanda sarà disponibile solo in Giappone, dove si possono già trovare strane varianti di Coca Cola. Dopo 130 anni, il noto brand si accinge ad apportare un grosso cambiamento. Non più solo bevande analcoliche.

Le sperimentazioni d’oltreoceano

Chissà come la prenderanno gli ‘aficionados’ della Coke? La Coca Cola, bevanda amata da milioni di persone, si trasforma in qualcosa di alcolico per stuzzicare anche i più esigenti e chi apprezza le bevande contenenti alcol. Jorge Garduno, presidente della Coca Cola in Giappone, ha detto: ‘Il nuovo prodotto apparterrà alla categoria Chu-Hi. Tradizionalmente questa bibita contiene una certa quantità di alcol distillato dal Sochu e acqua frizzante, più alcuni aromi. Non ci siamo mai confrontati con la categoria degli alcolici, ma questo è un esempio di come continuiamo a esplorare opportunità al di fuori delle nostre aree principali’.

Arriverà anche in Italia?

La novità verrà introdotta anche in altre nazioni? Difficile che una bevanda del genere approderà anche in altri mercati. Il Giappone è una nazione particolare, che apprezza prodotti strani e inediti. La multinazionale americana aveva già portato in tale nazione bevande stravaganti come la Coca Cola al tè verde Ayataka e quella aromatizzata all’aglio. In Paesi come l’Italia, dove certe consuetudini sono dure a morire, difficilmente potrebbe essere apprezzata una bevanda come la Coca Cola alcolica. Nel Bel Paese sono tollerate, al massimo, la Coca Zero e la Coca Light. Sembra che il gusto della Coke alcolica non sia molto diverso da quello tradizionale. Bere per credere. Tante varianti della celebre bibita gassata scura, come la Coke Lemon, non sono mai state vendute nel nostro Paese per timore di un flop.

Ricetta non si cambia

L’azienda che produce Coca Cola dovrà fare i conti anche con la normativa britannica sulle bibite contenenti troppo zucchero, che entrerà in vigore il prossimo mese. Il colosso americano ha fatto sapere che non ha nessuna intenzione di cambiare la ricetta della sua famosa bevanda: ‘La gente ama il gusto… e ci ha detto di non cambiare’. Si vocifera che la società userà bottiglie più piccole, vendute a prezzi più alti per bilanciare l’effetto della tassa sulle bevande analcoliche. La multinazionale, nei prossimi mesi, lancerà 3 nuove bevande in Gran Bretagna, ossia un particolare caffè freddo, una bevanda al tè e un frullato senza latte.

Regno Unito: vendita di bottiglie d’acqua supera quella di Coca Cola

Per la prima volta, l’anno scorso nel Regno Unito sono state vendute più bottiglie d’acqua che bottiglie di Coca Cola, segno che molti consumatori britannici hanno deciso di assumere atteggiamenti più salutari. Riferendosi alla nuova Coca Cola alcolica, Howard Telford, responsabile delle bevande analcoliche presso Euromonitor International (azienda di ricerche di mercato) ha detto: ‘Questo è un punto di partenza per Coca-Cola, ma penso che rifletta il modo in cui i cambiamenti dei gusti dei consumatori spingono l’azienda in aree meno familiari come il latte premium , caffè, tè e ora bevande aromatizzate a bassa gradazione alcolica’.

Join The Discussion

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.