I cognomi più diffusi a Milano: Hu primo, Fumagalli in estinzione

By | 23 agosto 2016
loading...

Sembrerà strano ma il cognome più diffuso a Milano non è più Rossi o Fumagalli ma Hu. Il capoluogo lombardo si conferma, dunque, come uno dei Comuni italiani più interculturali.

Cittadino tipico di Milano è impiegato ed è single

A Milano vivono molti stranieri, è indubbio, ed anche molti single. Il cittadino tipico della grossa città lombarda, infatti, ha 40 anni, è impiegato e single. Su 1.364.814 residenti a Milano 228.915 sono quarantenni single. Sono gli stranieri a ripopolare Milano, visto che gli italiani, soprattutto per ragioni economiche, non se la sentono di metter su famiglia e fare figli. I nomi più diffusi tra i nuovi nati sono Sofia e Francesco; poi Lorenzo, Giulia e Tommaso. Grosso stupore, invece, sul versante dei cognomi. E’ Hu il più diffuso; seguono Mohamed, Chen, Zhou, Russo e Ahmed. Praticamente in via di estinzione Fumagalli, tipico cognome milanese.

Sono anni, ormai, che la comunità cinese si è appropriata di molte zone di Milano. In determinate aree del capoluogo lombardo ci sono solo negozi cinesi. Agli italiani non interessa più fare affari a Milano; ai cinesi sì. Pian piano, dunque, la comunità cinese a Milano è diventata più grande, più forte. Strade come via Paolo Sarpi hanno cambiato volto: oggi sono piene di store cinesi che non vendono più chincaglierie ma oggetti chic e costosi. In tali vie si vedono solo Suv costosi guidati da ricchi cinesi.

Chinatown rispecchia la madrepatria

L’aria che si respira a  Chinatown è simile a quella della madrepatria. La Cina, è ovvio, non è più ‘la fabbrica del mondo’ ma molto di più: è una nazione sempre più forte e cosciente delle sue potenzialità. I cinesi che sono a Milano da anni, quelli più giovani, si sono bene integrati; altri, solitamente quelli più anziani, hanno più difficoltà ad inserirsi nel contesto meneghino, anche perché non hanno imparato molto bene la lingua italiana. Per questi soggetti la vita sociale si svolge all’interno della comunità cinese a cui appartengono.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *