Animali

Coniugi fanno l’amore con il loro cane: filmati spaventosi

Chi è il vero animale in questa squallida storia? Una vicenda che fa accapponare la pelle quella che viene dall’Arizona (Usa). Marito e moglie hanno deciso di fare l’amore con il loro cane. Gli investigatori sarebbero in possesso di filmati spaventosi, raccapriccianti, che testimoniano l’ottusità e  il cinismo di certa gente. Il povero animale è stato sottoposto ad abusi incredibili. Melessa Ann Martinez, 44 anni, e il marito 39enne, Roy Lee Johnston, sono stati arrestati con per aver sottoposto a pesanti sevizie il loro cane ed aver realizzato un video.

Coppia presa in custodia giovedì scorso

I poliziotti americani hanno rivelato a un’emittente televisiva locale che i coniugi degeneri di Phoenix hanno consumato un rapporto ‘intimo’ con il loro cane e per questo, giovedì scorso, sono stati presi in custodia.

Roy Lee Johnston avrebbe rivelato agli investigatori di aver immortalato la moglie mentre faceva l’amore con il cane. Perché alla coppia è venuta in mente un’idea così oscena e aberrante?

Coniugi ‘ispirati’ da un servizio in tv

Il signor Johnston ha riferito agli agenti che ha pensato al video dopo aver saputo che una donna era finita in carcere per aver consumato un rapporto ‘piccante’ con il suo cane.

‘Sapevo che era sbagliato, ma l’ho fatto lo stesso’, avrebbe confessato il 39enne alla Polizia.

La Martinez ha ammesso di essere la donna del video orripilante e che a riprenderla era stato il marito.

La 44enne si è già presentata in aula ed è stata sentita dai magistrati. Avrebbe detto che il cane ‘è un animale di servizio’.

Accusati di bestialità

Melessa Ann e Roy sono accusati di bestialità. Un’accusa pesante, come pesante e crudele è stato quello che hanno fatto.

La Polizia ha confermato che la coppia ha avuto l’oscena idea di sottoporre il suo cane ad abusi sessuali dopo aver visto un servizio televisivo relativo a una donna finita in carcere per aver fatto l’amore con il suo animale domestico.

Join The Discussion

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.