Corea del Sud, incendio in ospedale: almeno 41 morti

By | 26 gennaio 2018

Incendio in un ospedale sudcoreano: vittimePesante il bilancio delle vittime dell’incendio che, nelle ultime ore, è scoppiato in un ospedale nella Corea del Sud. I media parlano di almeno 41 morti e dozzine di feriti, alcuni in condizioni critiche. Il rogo scoppiato nella struttura sanitaria è uno dei più letali degli ultimi anni nella nazione orientale. I video diffusi recentemente sul web e sui social, che ritraggono i soccorritori al lavoro, sono impressionanti. Un filmato mostra un paziente attaccato a una fune che pendola da un elicottero, sopra il nosocomio di Miryang.

Ospedale avvolto da fumo e fiamme

Dopo lo scoppio dell’incendio, l’ospedale sudcoreano è stato avvolto da fumo e fiamme. Tanto panico tra i pazienti e gli operatori sanitari. La struttura di 6 piani è stata immediatamente circondata dai camion dei vigili del fuoco, che hanno tentato di domare le fiamme.

Un portavoce dell’agenzia nazionale dei pompieri ha riferito che sono rimaste ferite oltre 70 persone; 13 di loro in modo grave.

L’agenzia di stampa Yonhap ha detto che nell’ospedale e nella vicina casa di cura c’erano 200 pazienti quando è scoppiato l’incendio, alle 7.30 (ora locale). Quasi tutte le vittime sono state stroncate dal fumo.

Sconosciuta la causa dell’incendio

Il capo dei vigili del fuoco, Choi Man-woo, ha affermato che alcune infermiere avrebbero visto le fiamme propagarsi dal Pronto soccorso. Attualmente la causa del rogo è ignota.

Le persone sopravvissute alle fiamme sono state immediatamente evacuate. ‘Le vittime si trovavano nell’ospedale e nella casa di cura. Alcune sono morte mentre venivano traferite in altri nosocomi’, ha aggiunto Man-woo.

Molte immagini ritraggono le operazioni di salvataggio: pazienti avvolti dalle coperte portati via dai pompieri.

Il dramma è arrivato dopo un mese dall’incendio scoppiato in un centro fitness di Jecheon, costato la vita a 29 persone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.