Crotone, maestre prendevano a calci e pugni alunni di 3 anni: sospese

By | 29 aprile 2017

Ci risiamo. Un altro aberrante e agghiacciante episodio di violenze in classe commesse dalle maestre ai danni di piccoli alunni. Stavolta siamo a Petilia Policastro, in provincia di Crotone. Due maestre di un asilo statale sono state sospese dal servizio fino alla fine dell’anno scolastico perché avrebbero commesso azioni riprovevoli contro alcuni bimbi di 3 anni. Le insegnanti avrebbero spesso preso a calci e pugni i piccoli. Non solo: gli alunni sarebbero stati spintonati e presi con forza per i capelli.

La denuncia dei genitori

Dopo la denuncia di alcuni genitori, preoccupati per lo strano atteggiamento dei figli, i carabinieri della Compagnia di Petilia Policastro hanno collocato diverse telecamere di sorveglianza nelle aule dell’asilo, constatando il comportamento abietto delle due maestre che, in più occasioni, hanno dato calci, offeso e intimorito i piccoli. Le donne avrebbero anche lanciato le cose dei bimbi, come scarpe e zaini fuori dalla classe. Azioni del genere sono state alla base della sospensione dal servizio delle due insegnanti a cui, nelle ultime ore, è stata notificata la misura.

Piccoli alunni terrorizzati e picchiati in classe. Ancora un brutto episodio di abusi in un asilo italiano. Le maestre sono state sospese dal servizio ma l’equilibrio psico-fisico dei bimbi è stato alterato. L’accusa ritiene che l’atteggiamento vile e brutale delle insegnanti abbia causato un regresso della personalità dei piccoli che, adesso, hanno paura della scuola e della classe docente.

Bimbi rinchiusi in una stanza buia

La misura della sospensione dal servizio è stata emessa dal gip di Crotone su richiesta della Procura. Fondamentali sarebbero stati gli inquietanti filmati riprese dalle telecamere di sorveglianza installate nelle classi dell’asilo statale. I militari hanno scoperto che le donne sospese dal servizio avevano anche rinchiuso alcuni bimbi in una camera buia, in fondo al corridoio, per terrorizzarli. Le insegnanti ciniche e crudeli non avrebbero minimamente preso in considerazione i danni che il loro comportamento avrebbe potuto arrecare ai piccoli.

Le misure cautelari notificate alle due maestre recentemente rispondono alla necessità di preservare l’incolumità psico-fisica degli alunni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.