Dallas, poliziotti uccisi da cecchino sostenitore dei Black Panter

By | 9 luglio 2016

Dallas piange i 5 poliziotti uccisi nelle ultime ore da alcuni cecchini afroamericani; anzi in realtà a sparare sarebbe stato un solo uomo. La città texana è sconvolta. Quella che doveva essere una manifestazione pacifica, si è trasformata in tragedia.

Dallas: agenti uccisi a Dealey Plaza, dove morì Kennedy

loading...

Un attacco così grave alla Polizia americana non si ricordava dai tempi dell’11 settembre. Molti afroamericani, a Dallas, avevano organizzato una marcia contro le violenze dei poliziotti sugli afroamericani ma, all’improvviso, un uomo ha scatenato l’inferno nei pressi di Dealey Plaza, proprio dove venne ucciso, 53 anni fa, Kennedy. Inizialmente si pensava che i poliziotti americani fossero stati uccisi da più persone appostate in vari punti di Dallas. No, il sicario è uno, il 25enne Micah X. Johnson, un riservista dell’esercito Usa che ha combattuto anche in Afghanistan. Sembra che il ragazzo simpatizzi per i Black Panter, movimento militare che si batte contro gli abomini della Polizia, l’emarginazione e il razzismo. I poliziotti americani sono stati uccisi a causa dell’odio razziale. Negli ultimi giorni, infatti, molti innocenti afroamericani sono stati freddati, senza alcun motivo, dagli agenti.

Sia il segretario della sicurezza nazionale, Jen Johnson, che Bill De Blasio, hanno confermato che ad uccidere i 5 poliziotti a Dallas e ferire 12 persone, tra cui 2 civili, è stato Micah X. Johnson. Una giornata funesta nella cittadina texana. Obama si è detto affranto per quanto avvenuto, sottolineando che tornerà un giorno prima del previsto negli Usa (attualmente è in Polonia).

Cecchino ucciso da robot killer

Dopo aver compiuto la strage, il 25enne si è rifugiato in un garage di Dallas. Gli agenti lo hanno inseguito e hanno cercato di farlo desistere. Niente. La lunga trattativa si è rivelata infruttuosa. Alla fine i poliziotti, per la prima volta, hanno usato un robot killer, con indosso una bomba. Il robot è esploso, uccidendo il cecchino di Dallas, un uomo che voleva vendicare quegli afroamericani uccisi, giorni fa, dagli agenti. Il capo della Polizia di Dallas, David Brown, ha affermato riguardo al cecchino:

“Era turbato dalle recenti sparatorie in Minnesota e in Lousiana. Diceva di voler uccidere i bianchi, soprattutto gli agenti bianchi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *