Daniel Alves mangia banana lanciatagli come insulto razzista

By | 28 aprile 2014

Daniel Alves raccoglie una banana lanciatagli dagli spalti da tifosi razzisti del Villareal e la mangia

daniel alves
Un episodio curioso e divertente – ma al tempo stesso spiacevole – si è verificata nell’ultima giornata di Liga. Protagonista Daniel Alves, terzino del Barcellona e della nazionale brasiliana, che si stava apprestando a battere un calcio d’angolo sotto la curva dei tifosi del Villareal, la squadra che ospitava i blaugrana.

Ad un certo punto, un tifoso razzista dagli spalti gli lancia addosso una banana. Daniel Alves, senza pensarci due volte, la raccoglie da terra e la mangia, quindi batte il calcio d’angolo tranquillamente.
Per la cronaca, il Barcellona vincerà la partita per 3 reti a 2, e Alves subito dopo l’incidente effettuerà il cross che Musacchio, giocatore del Villareal, insaccherà involontariamente nella propria porta.

Daniel Alves era già stato vittima di insulti razzisti nel 2013, e allora definì la lotta al razzismo “una guerra persa”

Intervistato dai giornalisti al termine dell’incontro odierno, il forte terzino verde oro ha così risposto:
“In Spagna ci siamo abituati già da molto tempo. Bisogna essere bravi a prenderli (gli insulti razzisti) con una dose di umorismo, perché le cose non possono essere cambiate facilmente. Se non gli date peso non raggiungeranno il loro obiettivo.”

Successivamente anche il compagno di squadra Neymar si è unito alla protesta ironica, pubblicando sul proprio profilo Facebook una foto con una banana in mano, in compagnia del figlio che tiene fra le braccia un pupazzo banana di pezza.
l’hashtag era: #weareallmonkeys.

Il video, che in poche ore ha ottenuto milioni di visualizzazioni, ha già fatto il giro del mondo.

Category: News Sport

About Pamela Tela

Scrivo news giornaliere scegliendo quelle più interessanti per i lettori, amante del cinema e dei libri. Mi piace leggere e a volte anche correre :)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.