Dea vivente a 3 anni: Trishna Shakya vivrà nel palazzo fino alla pubertà

By | 1 ottobre 2017

Nepal elegge nuova dea vivente: Trishna ha 3 anniUna bimba di soli 3 anni, Trishna Shakya, è stata proclamata dea vivente a Katmandu, capitale del Nepal, lo scorso 28 settembre 2017. La piccola, venerata da indù e buddisti, dovrà vivere sempre in un palazzo del tempio fino alla pubertà. Una vita da reclusa, dunque, quella della bimba del Nepal diventata ‘Kumari’, ossia dea vivente. La scelta è stata fatta, dopo esami approfonditi, da un pool di sacerdoti. E’ stato vagliato sia l’oroscopo delle quattro finaliste che il corpo, al fine di trovare eventuali imperfezioni fisiche. Trishna, per ora, non ha difetti fisici. Gautam Shakya, un sacerdote del gruppo che ha eletto la nuova dea vivente, ha spiegato: ‘Secondo la nostra tradizione, quando la dea vivente compie 12 anni bisogna trovarne un’altra. Dobbiamo essere sicuri che la dea vivente abbia le caratteristiche per portare fortuna al Paese. Abbiamo trovato, ancora una volta, la nuova Kumari’. Centinaia di seguaci e devoti si sono messi in fila per osservare la nuova dea vivente del Nepal, vestita di rosso e con corone di fiori in testa.

Kumari condotta nel palazzo da un sacerdote

Il Nepal ha eletto la sua nuova dea vivente. Non sarà semplice, però, la vita per la piccola Trishna Shakya, poiché non potrà uscire mai dal palazzo fino alla pubertà. Mentre la bimba lasciava la sua abitazione, a Katmandu, molte persone le donavano frutta, uova, cioccolatini e dolci. A portare la bambina nel tempio era stata un sacerdote, con la sua auto. I genitori e i parenti della nuova dea vivente hanno rivelato di sentirsi molto emozionati e orgogliosi.

Bijaya Ratna Shakya, padre di Trishna, ha affermato: ‘Sarà la dea vivente. Non sarà più solo nostra figlia ma anche la dea vivente di tutto il Paese. Sono felice ma allo stesso tempo mi viene da piangere’. Successivamente all’arrivo della nuova dea vivente nel palazzo del tempio, quella precedente, Matina Shakya, 12 anni, aveva lasciato l’edificio da un ingresso posteriore. Ad attenderla c’erano i genitori, familiari e supporters. La ragazzina è stata portata via mediante un palanchino.

La designazione della nuova dea vivente del Nepal è avvenuta nell’ottavo giorno del Desain Festival, un’importante rassegna della nazione che dura un paio di settimane.

I criteri delle ’32 perfezioni’

Secondo la tradizione del Nepal, le bimbe eleggibili a dea vivente devono soddisfare tutti i parametri delle ’32 perfezioni’ di una dea, come avere un corpo come ‘un albero del banyan’, una voce ‘morbida e chiara come un’anatra’ e ‘ciglia come una mucca’.

Trishna, d’ora in avanti, potrà lasciare il palazzo del tempio solo 13 volte l’anno, in occasione del maggiore festival del Paese, quando verrà fatta sfilare per le vie della città. Ciò per consentire agli induisti e buddisti di venerarla.

In passato, in occasione della designazione di una nuova dea vivente venivano sacrificati 108 animali, come capre, bufali e polli. Le innumerevoli pressioni degli animalisti hanno provocato però una forte riduzione degli animali sacrificati per l’evento. Anche se una ragazzina soddisfa tutti i requisiti fisici, deve dimostrare di essere molto coraggiosa, non piangendo alla vista di un bufalo sacrificato.

La consuetudine della dea vivente è strettamente connessa alla famiglia reale e non si è mai indebolita nonostante il declino della monarchia, in Nepal, 9 anni fa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *