Delitto Yara, Bossetti Interrogato dal Pm: Sicuro ed Esaustivo

By | 4 marzo 2016

Bossetti in Aula in Vesti di Imputato e TesteOggi è stato un giorno importante per quel che concerne il processo sul delitto Yara Gambirasio perché, per la prima volta, ha parlato Massimo Bossetti, in veste di teste e imputato

loading...

 

Tantissime persone, sin dalle 7, si sono riunite dinanzi al tribunale di Bergamo per sostenere Bossetti, muratore e unico imputato nel processo. Per molti l’uomo è innocente. Il pm Letizia Ruggeri ha fatto molte domande a Bossetti durante l’interrogatorio, iniziato alle 16:30. L’uomo ha mostrato di essere molto sicuro di se stesso, rispondendo sempre in modo deciso ed esaustivo: a tratti è sembrato leggermente irritato. Massimo ha parlato della sua professione, che conosce molto bene, poiché iniziò a lavorare quando aveva solo 14 anni:

“All’inizio ero dipendente, poi nel 2001 mi sono messo in proprio e avevo dei dipendenti, poi li ho evitati perché era meglio evitarli e fare da soli perché non riesci sempre a controllarli”.

Dopo aver sottolineato di non aver mai conosciuto nessun componente della famiglia Gambirasio, tantomeno Yara, il muratore ha aggiunto di non ricordare assolutamente cosa fece il 26 novembre 2010:

“Per me quella fu una giornata normalissima. Lei sa che io faccio sempre le stesse cose. Soltanto chi segna su un’agenda tutto quello che fa può ricordarsi, ma io non mi ricordo nemmeno cosa ho mangiato ieri, si figuri quello che ho fatto 4 o 5 anni fa”.

Bossetti, durante l’interrogatorio del pm, ha anche confermato che tutte le sere passava davanti alla palestra di Yara:

“Scendevo da Barzana e invece della statale che era più corta ma incasinata facevo Brembate e mi fermavo all’edicola del nonno, lo chiamiamo così, quella di fronte al cimitero di Brembate per prendere le figurine o i  braccialetti per le mie figlie. Se non trovavo lì le figurine andavo nelle altre edicole. Tutte le sere facevo le edicole e litigavo con mia moglie, che non voleva perché diceva che viziassi i bambini…”.

Bossetti ha detto molto, oggi, in Aula. Nessuna paura e tanta voglia di ribadire la sua innocenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *