Denuncia fotomontaggio shock della Boldrini e riceve minacce

By | 13 febbraio 2018

fotomontaggio-Boldrini-Paladini-minacciatoLuca Paladini aveva denunciato il fotomontaggio shock ritraente Laura Boldrini decapitata e, negli ultimi tempi, sta ricevendo offese pesanti sui social. Il portavoce dei Sentinelli di Milano, comunque, non si piega, anzi dice a tutti quello che sta accadendo. Luca ha affermato che sulla sua pagina Facebook è apparsa ultimamente una foto che lo ritrae col volto pieno di ecchimosi e ferite. Una vera foto minatoria.

Boldrini sgozzata

Tutto è partito dalla denuncia dell’immagine scioccante ritraente la Boldrini sgozzata. Paladini ha pagato caro il gesto. Ora sul web girano fotomontaggi col suo volto. La foto che mostra il viso tumefatto del portavoce dei Sentinelli di Milano è corredato da frasi del tipo ‘ciò che si meriterebbero gli italiani traditori e frociosessuali che adescano minorenni nonché spie’. Tale messaggio sconcertante, a detta di Paladini, è stato firmato da un certo Gianfranco Corsi, ovvero il 58enne calabrese che aveva pubblicato il fotomontaggio shock che mostrava Laura Boldrini, con la testa tagliata ‘da un nigeriano inferocito’.

Paladini ha spiegato su Facebook che ‘da quando I Sentinelli hanno diffuso il post di Corsi, poco più di una settimana fa, abbiamo ricevuto minacce e insulti di ogni tipo. Sono apparsi diversi profili fake con il mio nome e la mia foto, che restano in rete anche solo 20 minuti, il tempo di pubblicare appunto minacce e insulti’.

La denuncia alla Digos

loading...

Il portavoce dei Sentinelli ha subito sporto una denuncia alla Polizia. La Digos ha già avviato le indagini per risalire agli autori delle frasi e delle foto minatorie. Nei giorni scorsi, dopo la pubblicazione del fotomontaggio della Boldrini sulla pagina ufficiale dei Sentinelli di Milano, Paladini aveva detto: ‘Questa è arrivata sulla nostra pagina stanotte. È tempo di maldestri emuli, avvoltoi da social, disperati che provano, dispensando odio in rete, a essere considerati per cinque minuti nella loro vita’. Luca Paladini aveva poi segnalato alle autorità il nome e il cognome dell’autore del post.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *