Disabile 31enne morta in casa: ecco perché i genitori sono indagati

By | 9 gennaio 2018

Polignano morte disabileUna disabile 31enne è stata ritrovata senza vita nella casa dove viveva con i genitori, a Polignano a Mare (Bari). La macabra scoperta è stata fatta lo scorso 6 gennaio 2018. I genitori adesso sono indagati per abbandono di persona incapace aggravato dalla morte. Perché la coppia pugliese avrebbe favorito il decesso della 31enne? Gli inquirenti ritengono che la disabile potrebbe essere morta dopo tanti patimenti. A chiamare i carabinieri, l’altro giorno, erano stati proprio i genitori della 31enne, già senza vita. I militari, dopo essere entrati nella casa dei genitori della disabile, si erano subito resi conto delle pessime condizioni igieniche.

Genitori avevano rifiutato l’aiuto dei servizi sociali

La Procura di Bari ha iniziato ad indagare su una vicenda che presenta zone d’ombra. E’ probabile, comunque, che dietro alla morte della disabile ci siano i genitori. Questi, a quanto pare, si erano opposti all’assistenza dei servizi sociali per la 31enne.

Il padre e la madre dell’invalida di Polignano non avrebbero accudito la donna adeguatamente, dimenticandosi spesso anche di farla mangiare. A coordinare le indagini è la pm Bruna Manganelli.

Autopsia verrà eseguita nelle prossime ore

L’esame autoptico, che verrà svolto nelle prossime ore presso l’Istituto di medicina legale del Policlinico di Bari, permetterà di scoprire la causa della morte della disabile pugliese.

Domenico Vitto, sindaco di Polignano a Mare, ha affermato che ‘la situazione, seguita da tempo dai servizi sociali del Comune, è stata segnalata agli organi competenti’.

Famiglia seguita da anni dalla Asl

L’amministrazione comunale ha reso noto che il nucleo familiare problematico era seguito da diversi anni. L’Asl era al corrente delle pessime condizioni in cui viveva la 31enne ma i genitori avevano sempre rifiutato l’aiuto dei servizi sociali.

I vicini di casa della difficile famiglia di Polignano sapevano che la disabile viveva in un contesto a dir poco precario e avevano fatto numerose segnalazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *