Disabile presa in giro in ambulanza dagli operatori sanitari

By | 29 gennaio 2018

Vari operatori della Croce Bianca di Arezzo avrebbero deriso una donna disabile, o comunque non in grado di reagire, in ambulanza. L’operatore sanitario ha toccato il volto della donna con la punta dell’ombrello, cercando di toglierle il cappello. Non pago, l’uomo si è fatto riprendere con il telefonino ed ha postato il video su Instagram. La clip dura 21 secondi. La disabile ha dovuto sopportare quell’operatore insensibile e incivile. Il primo a raccontare l’episodio è stato il Fatto Quotidiano, facendo scoppiare una grossa polemica.

Anziana umiliata

C’è un video che testimonia le umiliazioni subite da un’anziana toscana a bordo di un’ambulanza. Invece di accudirla e confortarla, gli operatori sanitari si sono divertiti a mortificarla, pubblicando poi il video delle umiliazioni sui social.

loading...

I responsabili della Croce Bianca di Arezzo sono venuti a conoscenza dello scabroso episodio ed hanno detto che gli operatori sanitari del video sono stati già assegnati ad altri incarichi.

Sembra che i parenti dell’anziana non abbiano ancora sporto denuncia. Una cosa è certa: quel video osceno è scomparso misteriosamente dai social. La magistratura aretina ha iniziato ad indagare sulla sconcertante faccenda.

La rabbia di Ilaria Bidini

Il fatto accaduto ad Arezzo ha addolorato anche Ilaria Bidini, nominata anche cavaliere della Repubblica per la sua battaglia contro il cyberbullismo. Ilaria è disabile e da anni si batte contro ogni forma di emarginazione. Ilaria è indignata per quello che è accaduto ad Arezzo.

‘Mi ha fatto male, sono immagini brutte che dimostrano una totale mancanza di rispetto nei confronti delle persone. E soprattutto, guardandole si percepisce che l’operatore credeva di essere spiritoso, di fare uno scherzo. Mi ha fatto tornare in mente quando andavo alle scuole medie e i ragazzi mi prendevano in giro in ogni maniera: i professori erano sempre pronti a minimizzare dicendo che erano ragazzate. Lo scherzo è tale se a ridere sono in due. Questi sono veri e propri atti di bullismo, altro che scherzi, altro che ragazzate’, ha chiosato la Bidini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *