Donald Trump batte Hillary Clinton e diventa presidente Usa

By | 9 novembre 2016

Il repubblicano Donald Trump ha battuto la democratica Hillary Clinton ed è diventato il 45esimo presidente Usa. La Clinton non ha detto nulla, finora. Si sa solo che ha telefonato a Trump ed ha riconosciuto la sua sconfitta. John Podesta, coordinatore della campagna della Clinton ha invitato tutti alla riflessione.

Sul palco assieme a moglie e figli: Trump festeggia

Dopo aver appreso il suo trionfo, Donald Trump è salito sul palco assieme alla moglie e ai figli, assicurando a tutti che nessuno, d’ora in avanti, sarà dimenticato e che i repubblicani e i democratici saranno sempre uniti. Il tycoon repubblicano ha affermato di aver ricevuto le congratulazioni di Hillary Clinton. Anche lui le ha fatto i complimenti. I repubblicani, stavolta, ce l’hanno fatta. Alla fine il ricco immobiliarista newyorkese è riuscito ad approdare alla Casa Bianca. Un trionfo inaspettato, che ha spiazzato anche analisti e politologi. Non appena è emerso il netto vantaggio di Trump nei confronti di Hillary, l’alto consigliere di Trump, Curtis Ellis, ha detto: ‘E’ una notte fantastica per l’America’.

Festa all’Hilton Midtown

Dopo il voto, gli americani attendevano a casa, nelle piazze, in macchina e nei locali di conoscere il nome del 45esimo presidente Usa. Alla fine l’hanno appreso. Hillary Clinton non è riuscita ad approdare alla Casa Bianca, sebbene abbia trionfato in Stati come il Maryland, il Massachusetts e il New Mexico. Barack Obama, quando ha iniziato a sentire odore di sconfitta, ha affermato che ‘comunque vada l’America resta una grande nazione’. Alla Clinton non sono bastati, evidentemente, i voti di Stati come Nevada e Maine.

Trump ha vinto ed ora è tempo di feste all’Hilton Midtown, il suo quartier generale. Il tycoon repubblicano ha conquistato 279 grandi elettori; la Clinton solo 218. Molti americani sono ammutoliti, non parlano e non commentano. Times Square, a New York, è in silenzio. Secondo il Washington Post, il motivo per cui la Clinton non è riuscita a trionfare è il suo scarso appeal nei confronti delle minoranze, proprio quelle che contribuirono al trionfo di Barack Obama.

I repubblicani mantengono il controllo della House of Rapresentative, sebbene la maggioranza sia calata rispetto al 2014. In Italia molti politici sono preoccupati per la vittoria di Donald Trump. L’ex presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha detto ai microfoni di Radio anch’io che bisogna riflettere molto sul risultato delle presidenziali americane. Intanto Donald si gode la vittoria e brinda col suo vino preferito. I suoi fan sono al settimo cielo e gridano ‘L’America siamo noi’. Un repubblicano, ricco, è tornato alla Casa Bianca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.