Donna sbatte contro vetrata di casa e muore: arteria femorale recisa

By | 7 gennaio 2018

Donna morte Bari vetrataLa casa sembra un posto innocuo ma in realtà è molto insidioso. Una 20enne, ieri, è stata trasportata d’urgenza al Policlinico di Bari dai suoi familiari perché si è recisa l’arteria femorale sbattendo contro una vetrata di casa. I medici hanno subito tentato di medicare la ferita ma per la donna non c’è stato nulla da fare. Si sarebbe trattato di un brutto incidente domestico. I carabinieri comunque stanno indagando sulla vicenda per ricostruire la dinamica dell’episodio.

Medici di Bari hanno cercato di salvarla

Appena hanno visto la 20enne, che viveva nel quartiere Catino, i medici del nosocomio di Bari si sono resi conto della gravità della situazione

Medici ed infermieri hanno notato una grave ferita all’arteria femorale, dovuta all’impatto con una parte tagliente.

L’ipotesi più accreditata è quella dell’incidente domestico ma i carabinieri vogliono vederci chiaro e continuano ad esaminare il caso. L’obiettivo è escludere altre ipotesi.

Colpa delle scarpe con i tacchi alti?

Forse è scivolata per colpa delle scarpe con i tacchi alti, sbattendo contro la vetrata del portone della sua abitazione.

La botta, la conseguente recisione dell’arteria femorale e la forte emorragia non hanno lasciato scampo alla ragazza che viveva in via Nicholas Green.

Grave emorragia

La parte tagliente della vetrata ha reciso nettamente l’arteria femorale, causando l’abbondante perdita di sangue. Un incidente tragico a cui ha assistito anche il marito 22enne della ragazza. Quando è arrivato al Pronto soccorso insieme alla moglie era sotto shock. L’uomo ha sperato nel miracolo, che purtroppo non è arrivato. La 20enne lascia una neonata di soli due mesi.

Una tragica fatalità nel popolare quartiere di Catino. I carabinieri, finora, non hanno trovato elementi per ritenere che qualcuno abbia spinto la 20enne contro la vetrata.

In queste ore i militari stanno ascoltando i parenti e i testimoni per fare luce sulla vicenda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *