Droga del diavolo manda in coma due trentenni

By | 30 maggio 2017

Droga del diavolo al party: due trentenni in comaUna festa privata ha avuto un triste epilogo a Castelnuovo Rangone, in provincia di Modena. Due trentenni sono finiti in coma dopo aver sniffato la cosiddetta ‘droga del diavolo’. La sostanza pericolosa è in realtà la scopolamina, un allucinogeno che si ottiene da una pianta. Da alcuni media locali si apprende che i due trentenni adesso versano in gravi condizioni al reparto di terapia intensiva dell’ospedale di Baggiovara.

I due modenesi rischiano danni cerebrali

La ‘droga del diavolo’ o ‘respiro del diavolo’ è un allucinogeno sempre più consumato tra i giovani, e non solo, ma i suoi effetti possono essere deleteri, come dimostra l’episodio avvenuto nelle ultime ore a Castelnuovo Rangone. Oltre ai due trentenni , che lottano tra la vita e la morte, è stato ricoverato all’ospedale di Baggiovara anche un coetaneo che aveva assunto il potente allucinogeno. Le condizioni di quest’ultimo però non sarebbero preoccupanti, tanto è vero che ha avuto la lucidità di rivelare al personale sanitario cosa avevano assunto gli altri ragazzi.

Gli uomini della Squadra mobile di Modena hanno avviato le indagini e, in queste ore stanno ascoltando gli altri partecipanti alla festa privata. Si vuole scoprire se, oltre alla ‘droga del diavolo’, siano stati assunti anche alcolici. L’eventuale assunzione di sostanze alcoliche, infatti, avrebbe causato un mix devastante. I medici modenesi non escludono che i due trentenni possano riportare gravi lesioni cerebrali. Gli esperti hanno detto riguardo alla scopolamina: ‘La sostanza è estremamente tossica e deve essere impiegata in dosi ridottissime. Dosi elevate possono provocare fenomeni di depressione, stanchezza o sonnolenza. L’overdose può causare delirio, allucinazione, paralisi, stato soporoso, perdita di coscienza fino alla morte’.

Ladri e malviventi usano spesso la ‘droga del diavolo’

La ‘droga del diavolo’, in dosi eccessive, si può rivelare mortale. Sembra che i ladri e i delinquenti facciano spesso uso di tale sostanza perché azzera la volontà delle vittime, riducendole a uno stato di sudditanza. Non a caso, la scopolamina è conosciuta anche come la ‘droga dello stupro’. Tale allucinogeno è veramente insidioso perché può essere assunto in qualsiasi posto, essendo inodore e incolore.

Forse non tutti sanno che la ‘droga del diavolo’, da un po’ di tempo, viene utilizzata per curare alcune patologie del sistema nervoso centrale. Ovviamente ne vengono usate piccole dosi. I tipici effetti della scopolamina sono amnesia, torpore, tachicardia, secchezza dei bronchi, secchezza delle fauci, secchezza oculare, diarrea, dilatazione delle pupille, eccitazione, delirio, paralisi, coma e incoscienza. In caso di overdose si rischia seriamente il decesso.

Per evitare che qualcuno ci somministri di nascosto la ‘droga del diavolo’ bisogna essere sempre prudenti e attenti nei luoghi pubblici. La prima regola dovrebbe essere quella di non accettare mai bibite da sconosciuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.